ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Martin Schulz su referendum britannico "Se vinceranno i sì, sarà Brexit"

Crisi dei rifugiati, divisioni tra Stati, ma anche crescita dei nazionalismi un po’ ovunque e poi ancora lo spettro della Brexit. “L’Europa non si è

Lettura in corso:

Martin Schulz su referendum britannico "Se vinceranno i sì, sarà Brexit"

Dimensioni di testo Aa Aa

Crisi dei rifugiati, divisioni tra Stati, ma anche crescita dei nazionalismi un po’ ovunque e poi ancora lo spettro della Brexit. “L’Europa non si è mai trovata in una situazione così critica per il suo futuro”. Intervistato da Euronews Martin Schulz non nasconde i suoi timori sulla sopravvivenza del progetto comunitario e sulla Brexit afferma:“Se il 23 giugno vincerà il no, il Regno Unito non avrà altra scelta che uscire dall’Unione europea”.

Euronews
I negoziati sull’accordo con il Regno Unito sono durati circa 30 ore. Era davvero necessaria questa maratona, mentre l’Europa si trova ancora nel mezzo della crisi rifugiati?

Martin Schulz
La domanda è legittima soprattutto alla luce del disastro che si sta creando attorno alla crisi dei rifugiati.

Allo stesso tempo, però, se uno stato membro allo stesso tempo dell’Unione europea e del G-7, con potere di veto al Consiglio di Sicurezza Onu, dice che in caso di mancato accordo lascerà l’Unione europea, si deve agire.

Serve tempo per discutere di qualcosa che avrà effetti importanti sulla coesione europea. Anzi onestamente, mi sono sorpreso che ci siano volute “soltanto” 30 ore.

Euronews
La risposta, però, ora spetta ai cittadini britannici. Cosa accadrà se questi decideranno in maggioranza di lasciare l’Unione europea? Si pensa ad esemppio a rinegoziare l’accordo?

Martin Schulz.
No. Questo è escluso. E questo soprattutto perché tra gli Stati membri in molti pensano che l’accordo raggiunto vada soprattutto a beneficio del Regno Unito. Se il Paese lo accetta, nessun problema, ma se verrà rifiutato allora non ci sarà spazio per una ri-negoziazione. Non resterà che l’uscita dall’Unione.

Euronews
La crisi migratoria, il futuro del Regno Unito nell’Unione europea, si era già trovato davanti a un momento così delicato per il progetto comunitario?

Martin Schulz
Mai. Ma come ho già detto più volte, l’Unione europea oggi ha davanti minacce reali. Nella mia carriera politica non mi ero mai trovato davanti a un mix di problemi gravi a questo punto. Ci troviamo davanti a un mix esplosivo. E ancora una volta c‘è bisogno di richiamarci alla ragione, perché nei momenti di grande tensione si deve evitare di diventare isterici, ma restare calmi e procedere passo per passo.