ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontro Germania-Russia sul caso del presunto stupro di una ragazzina russa a Berlino

Dopo il presunto stupro di una ragazzina russa a Berlino la Germania ammonisce sul rischio di strumentalizzare un fatto di cronaca. La Germania

Lettura in corso:

Scontro Germania-Russia sul caso del presunto stupro di una ragazzina russa a Berlino

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il presunto stupro di una ragazzina russa a Berlino la Germania ammonisce sul rischio di strumentalizzare un fatto di cronaca. La Germania accusa Mosca di fare propaganda ed infiammare il dibattito sulla crisi migratoria.

Una tredicenne russo-tedesca era scomparsa a Berlino l’11 gennaio. Era stata ritrovata dopo poco più di un giorno. L’ipotesi su cui la stampa russa insiste è il presunto strupro da parte di un gruppo di migranti. Ipotesi basata sulla testimonianza iniziale della giovane e sulle affermazioni della sua famiglia ma smentita dagli inquirenti tedeschi.

“Sono davvero sorpreso” ha reagito il Ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier alle accuse di Mosca. “Non c‘è alcuna ragione, alcuna giustificazione per cui il caso di questa ragazzina di 13 anni – caso ancora oggetto d’indagine – venga sfruttato per fare propaganda politica per influenzare ed esacerbare il dibattito interno alla Germania sull’immigrazione. Dibattito già sufficientemente complesso”.

Secondo il responsabile della diplomazia russa Sergei Lavrov inoltre Berlino sarebbe colpevole di aver messo a tacere la vicenda.

“Spero che questa faccenda non venga nascosta sotto al tappeto e che non si ripeteranno più episodi come quello della nostra ragazza, Lisa, la cui scomparsa è stata fatta passare sotto silenzio per un bel po’ di tempo. Spero davvero che questi problemi legati all’immigrazione non spingano a dei tentativi di ripulire la realtà con il politicamente corretto”.

Il governo tedesco è già nell’occhio del ciclone dopo i fatti di Colonia dove nella notte di San Silvestro decine di donne hanno subito molestie sessuali di vario livello. I sospetti responsabili sono in maggioranza immigrati. In questo caso la polizia tedesca segue invece la pista di una scomparsa volontaria da parte della giovane e gli esami medici hanno scartato la violenza sessuale.