ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

A Margilan, la Via della Seta non è solo un ricordo


Postcards

A Margilan, la Via della Seta non è solo un ricordo

Questa settimana, Postcards è nell’Uzbekistan orientale e più precisamente a Margilan, uno dei centri più rinomati del Paese per la lavorazione della seta.

L’Uzbekistan in breve:

  • Situato nell’Asia Centrale, confina con il Kazakistan, il Turkmenistan, il Kirghizistan, l’Afghanistan e il Tagikistan
  • Indipendente dal 1991, questa ex repubblica sovietica ha oltre 30 milioni di abitanti
  • La superfice totale è di 425.400 km2, costituita quasi interamente di terreno pianeggiante
  • La temperatura media durante l’inverno è di -6 gradi centigradi. In estate, può salire sopra i 32 gradi
  • Quasi l’80% della popolazione è di etnia uzbeka e l’88% degli abitanti aderisce alla religione islamica

Anticamente, la città costituiva una delle tappe più importanti sulla Via della Seta, tanto che i tessuti provenienti da qui sono ancora oggi molto ricercati nell’Asia centrale.

Seamus Kearney, euronews: “I capi in seta sono confezionati non in modo industriale, ma artigianalmente in botteghe come questa, dove le tecniche tradizionali sono trasmesse di generazione in generazione”.

Raccolti i bozzoli dei bachi da seta, l’intero processo di lavorazione avviene rigorosamente a mano, dalla trattura, alla tintura dei fili, alla torcitura sui telai artigianali.

Mokhinur Siddiqova, guida turistica: “La tecnica impiegata qui a Margilan ha più di duemila anni e questo è l’unico luogo in tutto l’Uzbekistan in cui la seta viene tessuta a mano”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Tra le 150 stanze del palazzo Tosh Hovli di Khiva

Postcards

Tra le 150 stanze del palazzo Tosh Hovli di Khiva