ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, Grand Prix L'Avana: due israeliane d'oro, la promessa Gercsák viene mantenuta

Nella seconda giornata del Grand Prix de L’Avana, due israeliane sono salite sul gradino piu’ alto del podio. Israele è tornato e sta prendendo

Lettura in corso:

Judo, Grand Prix L'Avana: due israeliane d'oro, la promessa Gercsák viene mantenuta

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella seconda giornata del Grand Prix de L’Avana, due israeliane sono salite sul gradino piu’ alto del podio. Israele è tornato e sta prendendo seriamente le qualificazioni per le prossime Olimpiadi.

Yarden Gerbi torna a trionfare un anno e due mesi dopo l’ultima volta, battendo nella finale donne -63kg la cubana Maricet Espinosa. La 26enne, campionessa iridata nel 2013, ha la meglio sulla beniamina del pubblico con un waza-ari.

La seconda medaglia d’oro di giornata arriva dalla categoria -70kg. La numero 1 del tabellone Linda Bolder coglie il successo, il terzo da quando rappresenta Israele. La judoka di origine olandese si impone per yuko sulla talentuosa ungherese Szabina Gercsák.

Nessuna sorpresa tra gli uomini -73kg. Il numero uno del ranking, Rustam Orujov, torna sul gradino piu’ alto del podio, a quasi un anno di distanza dal trionfo casalingo nel Grand Slam di Baku. L’azero risponde con un waza-ari vincente allo yuko del rappresentante degli Emirati Arabi Uniti, Victor Scvortov, bronzo mondiale nel 2013.

Nell’ultima finale di giornata, quella della categoria -81 kg, viene premiato Khasan Khalmurzaev. Il 22enne russo, giustiziere al primo turno dell’azzurro Antonio Ciano, stende nell’atto conclusivo per waza-ari lo statunitense Travis Stevens.

La sorpresa di giornata è sicuramente Szabina Gercsák, argento tra le donne -70kg. La 19enne ungherese, plurititolata nelle categorie giovanili, ottiene il miglior risultato in carriera tra le judoka senior. Attuale campionessa del mondo juniores e vincitrice dell’ultima edizione dei Giochi olimpici giovanili, la Gercsák si candida come una delle grandi promesse per gli anni a venire.