ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

5 Seconds of Summer, l'esperienza del tour mondiale live vive nel secondo album "Sounds Good Feels Good"

Lettura in corso:

5 Seconds of Summer, l'esperienza del tour mondiale live vive nel secondo album "Sounds Good Feels Good"

Dimensioni di testo Aa Aa

I “5 Seconds of Summer” hanno già raggiunto i famosi 15 minuti di notorietà di Andy Warhol. La band australiana ha fatto molto rumore con il secondo

I “5 Seconds of Summer” hanno già raggiunto i famosi 15 minuti di notorietà di Andy Warhol.

La band australiana ha fatto molto rumore con il secondo LP “Sounds Good Feels Good”, che puntella il primo posto nella classifica degli album degli Stati Uniti.

E’ il secondo primo posto consecutivo del quartetto dopo il debutto nell’estate 2014. Un esordio che creò una “ansia di prestazione”.

Luke Hemmings: “C’era pressione. Ci chiedevamo: ‘Possiamo ancora scrivere canzoni? Sappiamo ancora come si fa?’ Ma quando abbiamo iniziato a scrivere il secondo album, anche se non è stato più facile, avevamo più cose da dire ed è stato più veloce rispetto al primo”.

Calum Hood: “Avevamo più coscienza della direzione che volevamo prendere e di quello che volevamo raggiungere come band”.

I ragazzi di Sydney hanno formato la band nel 2011. Il gruppo era già una celebrità di YouTube grazie ai video sulle cover di vari artisti, ma ha raggiunto la fama internazionale durante il tour mondiale con gli “One Direction”.

Lo scorso maggio, la band ha intrapreso il primo tour “Rock Out With Your Socks Out Tour” in Europa, Australia, Nuova Zelanda e Nord America. Un’esperienza live che ha avuto un impatto sulla loro musica.

“Volevamo far evolvere la nostra musica in base all’esperienza fatta con i concerti – dice Ashton Irwin -. Dopo l’uscita del primo album siamo stati in tour due anni e mezzo. Abbiamo suonato centinaia e centinaia di volte, e questo ha cambiato il modo di suonare, il modo di cantare e anche il modo di vedere la musica. Abbiamo voluto tradurre tutto questo nelle nostre nuove canzoni, che sono state scritte per una esperienza dal vivo”.

I “5 Seconds of Summer” insistono dicendo che non sono una boy band, che scrivono loro le canzoni e che sanno suonare.

Dopo l’uscita del secondo album “Sounds Good Feels Good” faranno un altro tour mondiale a partire da febbraio, che li porterà in Asia, Regno Unito e Nord America.