ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Oggi la Legione d'onore. La Francia celebra gli "eroi" del Thalys

L'onorificenza per i tre cittadini statunitensi e il britannico che hanno disarmato e bloccato l'assalitore del treno Amsterdam-Parigi

Lettura in corso:

Oggi la Legione d'onore. La Francia celebra gli "eroi" del Thalys

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la telefonata di Barack Obama, la cerimonia con il presidente Hollande. La Francia insignisce oggi della Legione d’onore i tre cittadini statunitensi e il britannico, che venerdì hanno disarmato e bloccato l’assalitore del treno Amsterdam-Parigi.

A celebrarne il coraggio sono intanto anche altri passeggeri, che al quotidiano Le Monde dicono che “senza di loro” sarebbero tutti morti.

Ferito nella colluttazione, il militare dell’aviazione statunitense Spencer Stone è intervenuto per primo, subito seguito dagli amici Anthony Sandler e Aleksander Skarlatos, un riservista dell’Oregon da poco tornato da una missione in Afghanistan, che davanti alle telecamere ha minimizzato il gesto, parlando di reazione istintiva.

Nelle ultime ore è intanto emerso un video girato dallo stesso Sandler, che documenta l’intervento con cui lui e i due amici, con cui era in viaggio in Europa, hanno bloccato l’assalitore.

Alla luce delle armi che aveva con sé, i tre respingono intanto la versione riportata dall’avvocato dell’assalitore, secondo cui quest’ultimo avrebbe pianificato una semplice rapina.

Marocchino, 26 anni tra pochi giorni, l’uomo è stato identificato come Ayoub El-Khazzani: un nome su cui si era in passato già concentrato l’interesse delle autorità francesi e spagnole per il suo percorso di radicalizzazione”:http://it.euronews.com/2015/08/22/treno-amsterdam-parigi-l-identita-dell-aggressore-al-vaglio-dell-inchiesta/.

Le testimonianze di soccorritori e altri passeggeri concordano tuttavia nel sottolineare come al momento dell’attacco fosse apparso in uno stato visibilmente “alterato” e del tutto impreparato nell’uso della pistola, del taglierino e del mitragliatore che aveva con sé.

Sempre secondo la versione affidata al suo avvocato, l’uomo avrebbe rinvenuto il mitragliatore in una borsa abbandonata e questo gli avrebbe suggerito di utilizzarlo per effettuare una rapina sul treno. Oltre all’origine delle armi, l’incertezza resta anche in proposito ai suoi spostamenti: se una prima pista accredita dalle autorità spagnole suggeriva un suo viaggio in Siria dalla Francia, si affaccia ora anche l’ipotesi che El-Khazzani si sia invece recato semplicemente a Istanbul, senza certezze sui suoi successivi spostamenti.