ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Intercettazioni Usa, il governo francese convoca l'ambasciatrice di Washington

Il ministro francese degli Esteri, Fabius, ha convocato l’ambasciatrice statunitense a Parigi per avere risposte sull’attività di intercettazione

Lettura in corso:

Intercettazioni Usa, il governo francese convoca l'ambasciatrice di Washington

Dimensioni di testo Aa Aa

Il ministro francese degli Esteri, Fabius, ha convocato l’ambasciatrice statunitense a Parigi per avere risposte sull’attività di intercettazione condotta dall’agenzia di spionaggio degli Usa, che avrebbe controllato anche le comunicazioni degli ultimi tre presidenti francesi.

“Comprendiamo che possano esistere intercettazioni per ciò che riguarda la lotta al terrorismo. Ma questo non ha niente a che fare con le intercettazioni di dirigenti alleati e amici. Ho chiesto all’ambasciatrice risposte rapide”.

Lo scandalo è scoppiato dopo la pubblicazione di documenti segreti da Wikileaks e rilanciati dal quotidiano Libération e dal sito d’informazione Mediapart.

Secondo queste fonti, gli ultimi tre inquilini dell’Eliseo, Chirac, Sarkozy e Hollande, avrebbero avuto i telefoni sotto controllo da parte degli Usa.

Di fronte allo scandalo, la risposta di Washington è stata laconica: “Non stiamo intercettando le comunicazioni del presidente Hollande né mai lo faremo”, ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale, Ned Price.