ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: manifestazioni di solidarietà in Europa, si avvicinano le scadenze

Lettura in corso:

Grecia: manifestazioni di solidarietà in Europa, si avvicinano le scadenze

Grecia: manifestazioni di solidarietà in Europa, si avvicinano le scadenze
Dimensioni di testo Aa Aa

A poche ore da un vertice dell’eurogruppo che viene presentato come decisivo per il destino della Grecia e dell’Europa, la sinistra europea protesta e solidarizza.

A Parigi come a Berlino i manifestanti inalberavano cartelli con messaggi di supporto alla Grecia, e altri che dicevano per esempio “via la Troika”, o “basta con l’austerità”.

Ad Atene queste ore si vivono con apparente calma. Con la consapevolezza, comunque, che non è quella di lunedì la giornata decisiva.

Il Ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, mette tutto il peso della trattativa sulla cancelliera tedesca, Angela Merkel: Atene è disposta al compromesso se lunedì la Merkel darà “segnali significativi”, ha scritto Varoufakis in un editoriale, mentre il premier Tsipras limava i dettagli di una nuova contro-proposta greca.

Nelle vie di Atene al momento non c‘è panico. C‘è chi si chiede piuttosto che cosa voglia davvero l’Europa.

“Vorrei che arrivassimo a un accordo, ma gli europei devono smettere di ricattarci. Siamo una nazione con la sua dignità. Attraversiamo una fase molto difficile, non capisco perché si comportino così”.

Per il governo greco, questa crisi è stata causata dall’ingresso nell’euro. Quindi tocca all’Europa trovare una soluzione. Per l’Europa tocca alla Grecia fare il passo decisivo: accettando quelle riforme, come un ulteriore taglio delle pensioni, che il governo ellenico proprio non vuole fare, anche perché abbatterebbero ulteriormente l’economia del Paese.