ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le ultime gare di rally e di ciclismo, l'incontro con un grande scacchista

In questa puntata diamo uno sguardo alla più recente tappa del campionato mondiale di rally, incontriamo un grande maestro internazionale di scacchi

Lettura in corso:

Le ultime gare di rally e di ciclismo, l'incontro con un grande scacchista

Dimensioni di testo Aa Aa

In questa puntata diamo uno sguardo alla più recente tappa del campionato mondiale di rally, incontriamo un grande maestro internazionale di scacchi, di nazionalità indiana, riviviamo la Liegi-Bastogne-Liegi e la prima gara del campionato mondiale di beach volley. Infine scopriamo il mondo delle gare di sidecar.

Rally: in Argentina trionfa Meeke, Ogier si ferma

Joe Allen, euronews: “Lo scorso fine settimana i protagonisti del rally hanno fatto tappa in Argentina per la quarta prova del campionato del mondo. Questo evento è stato all’altezza della sua feroce reputazione, vediamo chi ce l’ha fatta”.

Kris Meeke e la Citroen suscitano stupore al 35esimo rally di Argentina. Il nordirlandese ottiene il primo successo personale e regala al Regno Unito la sua prima vittoria mondiale dal 2002.

Meeke e il co-pilota Paul Nagle hanno potuto approfittare della rinuncia del leader del campionato mondiale Sebastien Ogier, costretto a fermarsi a causa di un guasto al sistema di iniezione del carburante. Per Ogier l’Argentina resta inafferrabile, è infatti l’unica prova assente dal palmares del due volte campione del mondo.

La casa automobilistica francese si aggiudica anche il secondo posto grazie al norvegese Mads Ostberg. Il rally di Argentina è noto per essere una delle gare più dure per i piloti e per le auto e quest’anno non è andata diversamente, non sono mancati infatti pneumatici forati e sospensioni rotte. Prossimo appuntamento il 21 maggio con il rally del Portogallo, quinta delle 13 tappe del campionato mondiale.

Ciclismo: doppietta di Alejandro Valverde nelle Ardenne

Joe Allen, euronews: ‘‘E’ uno dei cinque monumenti del World Tour della federazione ciclista internazionale, la più antica delle classiche. Alla centunesima edizione della Liegi-Bastogne-Liegi, un ciclista completa una settimana straordinaria nelle Ardenne”.

Alejandro Valverde sale per la terza volta sul podio della “Decana”, la Liegi-Bastogne-Liegi, domenica scorsa. Lo spagnolo pochi giorni prima si era aggiudicato anche lì per la terza volta La Freccia Vallone e il weekend precedente era arrivato secondo all’Amstel Gold Race, le altre due classiche delle Ardenne.

Il ciclista della Movistar chiude dunque il giro della regione in bellezza, contrastando l’attacco di Dani Moreno e del suo team Katusha sulla salita finale di Liegi e imponendosi allo sprint.

Valverde diventa il secondo ciclista nella storia a vincere due delle classiche delle Ardenne.

Al via la stagione di beach volley

Joe Allen, euronews: ‘‘L’estate si avvicina e si comincia a parlare di beach volley. La stagione 2015 è ufficialmente cominciata la scorsa settimana in Cina. Il primo evento ha visto sul podio nuovi vincitori’‘.

Markus Böckermann e Lars Flüggen hanno condotto la squadra tedesca verso la vittoria all’Open di Fuzhou, prima tappa del World tour di beach volley.

In due set dallo stesso punteggio, 21-19, i tedeschi hanno vinto l’oro per la prima volta, sconfiggendo gli ex campioni del mondo, gli olandesi Alexander Brouwer e Robert Meeuwsen.

Tra le donne anche Jamie Lyn Broder e Kristina Valjas si godono il loro primo successo. Dopo aver sconfitto le statunitensi in semifinale, la coppia canadese si è imposta sulle tedesche Chantal Laboureur e Julia Sude in due set, 21-17 e 23-21.

La prossima tappa della competizione mondiale è Lucerna, il 12 maggio.

Riflettori puntati sullo scacchista Viswanathan Anand

Joe Allen, euronews: ‘‘Appena conclusosi il campionato del mondo a squadre di scacchi in Armenia, noi abbiamo pensato di accendere i nostri riflettori su una leggenda vivente della disciplina. E’ stato cinque volte campione del mondo ed è un tesoro nazionale per l’India. Incontriamo il grande Viswanathan Anand”.

Anand ha cominciato a giocare a scacchi a sei anni, 40 anni dopo avrebbe sconfitto il migliore e sarebbe diventato grande maestro internazionale. E’ anche tra i pochi scacchisti ad aver raggiunto i 2800 punti elo.

Viswanathan Anand: ‘‘E’ un lavoro, una professione, ma anche una cosa che mi diverte molto. Non credo di aver perso l’idea che avevo da ragazzo, ossia che gli scacchi sono una cosa affascinante”.

Anand ha vinto di tutto, ma non smette di fissare obiettivi.

Viswanathan Anand: “Mi piacerebbe superare di nuovo i 2800 elo, in qualche modo oscillo, mi avvicino e poi torno indietro, poi mi riavvicino per un po’ ai 2800, e poi gioco di nuovo in modo ridicolo e indietreggio”.

Oltre a competere, Anand promuove il gioco degli scacchi, che secondo lui ha un’influenza positiva sui bambini.

Viswanathan Anand: “Abbiamo un programma scolastico chiamato “Mind champions academy” che finora ha dato la possibilità agli studenti di 17mila scuole di giocare a scacchi. Una delle cose più importanti che ti insegnano gli scacchi è la regola del pezzo toccato, l’idea che le azioni hanno delle conseguenze. Impararlo è salutare per i bambini, allena automaticamente la memoria. Si tratta di buoni esercizi mentali. Credo fermamente che i bambini che giocano a scacchi siano alunni migliori a scuola”.

Nel mondo dei sidecar

Joe Allen, euronews: ‘‘Veicoli a tre ruote che viaggiano a circa 300 chilometri orari, con un supporto aerodinamico chiamato passeggero. Dedichiamo il nostro “Inside Sport” all’impressionante mondo delle gare di sidecar e al suo campionato mondiale”.

I sidecar hanno il proprio campionato del mondo dal lontano 1949. Dal 1997 si chiama “Superside”. I veicoli della categoria Formula 1 hanno una monoscocca in fibra di carbonio, cilindrata 1000 e un motore a quattro tempi.

I sidecar da Gran Premio sono bassi e possono raggiungere una velocità di circa 300 chilometri orari. Il pilota viene aiutato dal passeggero del carrozzino che salta sulla parte posteriore del veicolo in curva, per mantenere il baricentro dell’intero sistema e per controllare l’aderenza.

Tutto questo avviene a pochi millimetri dall’asfalto, rendendo le gare molto pericolose per i piloti.

Joe Allen, euronews: “E’ tutto per questa settimana, vi lasciamo con le immagini dei vincitori della prima edizione dei riconoscimenti SportAccord/Euronews che si è svolta la scorsa settimana a Sochi”.