ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Donbass. Scontri a fuoco e scambi d'accuse tra esercito e filo-russi

L’Ucraina e le forze indipendentiste filo-russe tornano ad affrontarsi, scambianodosi l’accusa di violare il cessate il fuoco e gli accordi di Minsk

Lettura in corso:

Donbass. Scontri a fuoco e scambi d'accuse tra esercito e filo-russi

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ucraina e le forze indipendentiste filo-russe tornano ad affrontarsi, scambianodosi l’accusa di violare il cessate il fuoco e gli accordi di Minsk. Il cuore di nuovi scontri armati sarebbe la città di Pisky, a Nord-Ovest di Donetsk, vicino alle rovine dell’aeroporto internazionale.

Almeno 3 soldati dell’esercito ucraino sono rimasti feriti in uno scambio di colpi d’arma da fuoco avvenuto in presenza degli osservatori dell’Osce. Intanto il Generale Philip Breedlove dell’aviazione militare degli Stati Uniti, rilancia il tema dell’appoggio militare a Kiev.

“L’Occidente dovrebbe tenere in considerazione ogni strumento di risposta” dice. “Può essere destabilizzante? Certo, ma anche non agire potrebbe esserlo. Continuiamo a vedere elementi inquietanti della difesa aerea, della catena di comando, di rifornimento ed equipaggiamento attraverso una frontiera (quella con la Russia) assolutamente porosa” ha detto.

Seconda area nella quale la situazione resta tesa è quella attorno a Marioupol, la città sulle rive del Mar d’Azov controllata dall’esercito di Kiev. Anche qui esercito e ribelli si accusano a vicenda di aver infranto gli accordi non escludendo l’artiglieria pesante dalle zone cuscinetto sancite con gli accordi di Minsk.