This content is not available in your region

Il Segretario di Stato americano John Kerry in Ucraina per rispondere alla richiesta di armi, ma a Washington una decisione in questo senso non c'è ancora.

Access to the comments Commenti
Di Stefano Cutillo
Il Segretario di Stato americano John Kerry in Ucraina per rispondere alla richiesta di armi, ma a Washington una decisione in questo senso non c'è ancora.

<p>Il Segretario di Stato americano John Kerry è arrivato a Kiev, per rispondere alle sempre più pressanti richieste di armi che arrivano dal Presidente ucraino Petro Poroshenko. </p> <p>A Washington non c‘è ancora una decisione in questo senso, ma Poroshenko si dice sicuro: “Non ho il minimo dubbio sul fatto che gli Stati Uniti ed i nostri altri partner ci forniranno armi” ha detto il presidente ucraino in conferenza stampa. <br /> “Ne abbiamo bisogno per difenderci e l’Ucraina gode di una reputazione di Paese responsabile ed autorevole ed intenzionato alla pace”. </p> <p>Washington, per il momento, fornisce all’Ucraina solo materiale non offensivo, come radar e giubbotti antiproiettile, per sostenere Kiev nella lotta ai separatisti russofoni delle regioni orientali ed anche in Ucraina le opinioni sull’opportunità di un maggior coinvolgimento, non sono unanimi. </p> <p>“Dobbiamo chiedere armi e l’Occidente deve aiutarci. Se i separatisti hanno la meglio su di noi le conseguenze ricadranno anche su altri Paesi” dice un uomo ai nostri microfoni. </p> <p>“Dovremmo evitare di combattere e chiedere aiuto militare” dissente un ragazza. “Questo rischia di diventare l’inizio della terza guerra mondiale”. </p> <p>Sul terreno i separatisti filo russi guadagnano posizioni e si continuano a contare i morti, almeno una dozzina nella sola giornata di ieri, in gran parte civili.</p>