ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I premiati agli EFA

Lettura in corso:

I premiati agli EFA

Dimensioni di testo Aa Aa

La città lettone di Riga è fra le capitali europee della cultura 2014. Al culmine dell’anno oltre oltre ad ospitare la cerimonia degli European Film

La città lettone di Riga è fra le capitali europee della cultura 2014. Al culmine dell’anno oltre oltre ad ospitare la cerimonia degli European Film Awards c’e’ anche la cerimonia di premiazione per Lettlands, premio cinematografico nazionale.

E ‘stato il film del regista lettone Janis Nords che ha ricevuto tre premi CHRISTOPHER per il suo film “Mother I love you” (Mamma ti voglio bene).

Il film incassa i premi come miglior film, miglior regista e migliore attrice. Il giovane Raimonds ha un rapporto difficile con la madre, costretta a turni massacranti di lavoro per mantenere la famiglia. A un certo punto, il ragazzo decide di scappare di casa e di avvicinarsi a un mondo di piccola criminalità, al centro del quale c‘è una prostituta con cui stringe amicizia.

Janis Nords, regista: “Penso che una delle caratteristiche principali di un regista sia la pazienza, lavorare e aspettare anni prima che il film sia compiuto e poi la pazienza con gli attori, con la troupe sul set cinematografico, perché le riprese in fondo sono solo un processo di prove infinite; la ripresa uno, la due, la tre. Cambio di angolatura, e poi ancora ripresa uno due tre.”

La madre single è interpretata da
Vita Varpina che ringraziando ha ritirato il premio. Quest’attrice di teatro 46enne spera di fare un altro film con Nords.

Vita Varpina, attrice:
“Ho due figli piu’ piccoli di quelli del film ma il film illustra bene quello che accade nella vita reale, anche i miei figli non mi ascoltano molto e a volte divento impaziente. Essere madre significa essere molto paziente”.

Premio al miglior attore è andato a Janis Amanis per la sua interpretazione dell’allenatore in “Dream Team 1935”. Il film diretto da Aigars Grauba dedicato alla squadra di basket nazionale della Lettonia (che ha vinto EuroBasket 1935, il primo campionato di basket FIBA europeo) – Il film è stato anche premiato per i Costumi.

Il premio alla carriera è andato al regista lettone Ivars Seleckis e a sua moglie che è stata direttrice della fotografia. Madrina del premio alla coppia è stata la nota attrice norvegese Liv Ullman.

Wolfgang Spindler, euronews: “E’ questo un momento molto importante per l’industria cinematografica lettone. Non ogni anno questo premio viene consegnato perché in Lettonia la produzione cinematografica annuale è piuttosto scarsa. Eppure molti di quei pochi film prodotti vanno in tutto il mondo, in festival internazionali e fanno cassetta in patria”.