ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: rifugiati siriani digiunano davanti al Parlamento

Lettura in corso:

Grecia: rifugiati siriani digiunano davanti al Parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Centocinquanta siriani sono accampati davanti al Parlamento greco, e non se ne andranno finché non avranno ottenuto l’attenzione del governo.

Giunti clandestinamente in Grecia, chiedono procedure snelle per l’asilo, o almeno di poterlo richiedere in un altro Paese europeo. Hanno speso i loro risparmi per fuggire dalla guerra e arrivare fin qui, e ora sono bloccati:

“I miei soldi sono quasi finiti, e un po’ tutti qui ci dobbiamo confrontare con il crimine organizzato. Non abbiamo documenti per circolare, non possiamo affittare una casa, non abbiamo niente”.

“Sto tentando di andarmene, di lasciare la Grecia e andare altrove in Europa perché in Grecia non c‘è nessuna possibilità per me, e nemmeno per i cittadini greci. Sono venuto qui come rifugiato dieci mesi fa, ho provato più volte a uscire dalla Grecia e non ho potuto”.

“Gli unici Paesi che ti aiutano a star bene, ti danno dei soldi e ti alloggiano, sono i Paesi europei”.

Il loro è uno sciopero della fame, in corso ormai da quattro giorni. Negli ultimi anni gli immigrati provenienti dalle zone di conflitto sono bruscamente aumentati, in Grecia. Dai tremila intercettati in mare nel 2012 si è passati a diciassettemila quest’anno. La metà di loro proviene dalla Siria.