ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Placido Domingo e la sua fucina di talenti: il concorso Operalia

Lettura in corso:

Placido Domingo e la sua fucina di talenti: il concorso Operalia

Dimensioni di testo Aa Aa

In associazione con:

Amanda Woodbury, americana, classificatasi seconda a Operalia, il concorso lirico che ogni anno si svolge in una delle capitali mondiali della musica.

Di recente è stata la volta di Los Angeles, dove Placido Domingo, ideatore e presidente del concorso, è tra l’altro direttore musicale della Los Angeles Opera. Fra oltre mille partecipanti una decina giunge in finale, già di per sé una vittoria, trampolino di lancio per una carriera internazionale.

I vincitori dell’ultima edizione di Operalia, Mario Chang e Rachel Willis-Sørensen:

“Non mi preoccupa che ci siano finalisti che non hanno vinto, non possono vincere tutti – ci dice Placido Domingo -. Ma qui la giuria è composta da personalità provenienti dai più grandi teatri e proprio poco fa un paio di cantanti che non hanno vinto mi hanno detto che avevano già in mano tre contratti… quindi, nessuno è lasciato al suo destino.”

Tra i prestigiosi giurati anche Marta Domingo, moglie di Placido e oggi stimata regista lirico.

“La vincitrice è una meraviglia – dice a Musica -: ha davanti a sé una gran carriera, perché può cantare Verdi ma anche Wagner! E poi trovo ammirevole che una non spagnola come lei possa cantare la zarzuela a quel livello.
Quanto a Mario Chang ha una voce stupenda: è un autentico tenore, simpatia compresa!”.

Il video integrale della prestazione di Mario Chang a Operalia.

Lui non sembra dal canto suo voler perdere tempo. Proveniente da un paese in cui la musica lirica stenta a trovare spazi e strutture, Mario Chang si dice determinato a mettere a frutto la fama raggiunta per farsi ambasciatore dell’opera nel suo Guatemala.

“Arrivare sin qui è stato abbastanza difficile – racconta -. In primo luogo riuscire a lasciare il Guatemala, dove si canta l’opera, ma non esistono purtroppo teatri d’opera. Con mia moglie, che pure è cantante, ho fatto una promessa al nostro paese: ogni anno, nella cattedrale di città del Guatemala, diamo un concerto gratuito per tutti, e mi piacerebbe considerarmi un promotore dell’opera in Guatemala.”

Il video integrale della prestazione di Rachel Willis-Sørensen a Operalia.

Vincitrice di Operalia, insieme a Mario Chang, è anche il soprano Rachel Willis-Sørensen. Vulcano di simpatia ed espressività, la cantante statunitense ci rende partecipi di un segreto che non aveva finora mai svelato a nessuno.

“Il Maestro Domingo mi ha detto di lasciarmi andare in certi momenti del mio pezzo, “Dich, teure Halle”, e che mi sarebbe stato dietro con l’orchestra – racconta -. No, ma ve lo immaginate: Placido Domingo che dice che mi starà dietro?! Sto sognando, non è possibile, eppure è successo! Questo brano di Wagner è un gioiello per me… Ok, passa per un pezzo difficile, greve, ma vi dirò un segreto: è l’aria più facile del mio repertorio… Ssst, non lo dite in giro!”.

I Domingo sono anche una grande famiglia a servizio della musica. Una dedizione di cui hanno fatto prova anche in occasione di Operalia.

“I miei nipoti sono straordinari e hanno un grande amore per la musica – ci dice Placido Domingo -! Oggi, poi, sono rimasti tutti e due seduti ad assistere attenti al concorso di Operalia”.

“E hanno anche votato!”, aggiunge la moglie Marta.