ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Svelare i segreti delle vibrazioni per prevenire i guasti

Lettura in corso:

Svelare i segreti delle vibrazioni per prevenire i guasti

Dimensioni di testo Aa Aa

Michele Carlino, euronews:
“Le vibrazioni disturbano la visione, ma se vengono analizzate a fondo possono rivelare dettagli importanti sullo stato delle macchine da cui provengono”.

A Torino un progetto di ricerca europeo punta a interpretare il suono delle macchine. L’idea è prevenirne i guasti, per fare questo gli scienziati intendono rivelare ogni segreto delle vibrazioni meccaniche.

Alessandro Zanella, fisico del centro di ricerche Fiat:
“Queste vibrazioni sono legate al motore che ruota, a parti in movimento e a cose del genere. Sono delle firme della macchina. Siamo in grado di fare una diagnosi predittiva dello stato della macchina. Possiamo dire quando un determinato rumore che si è generato rappresenta il rischio che quella macchina possa avere dei difetti”.

Un cuscinetto a sfera che sta per cedere genera un picco. L’anomalia può essere individuata prima del guasto, grazie alla rete di sensori, auto-alimentata sfruttando l’energia cinetica.

Michele Carlino, euronews:
“Il tracciato grafico che si ottiene a partire dalla analisi delle vibrazioni si legge come si farebbe con un elettrocardiogramma. Grazie a un complesso sistema di algoritmi è possibile ottenere informazioni molto dettagliate sullo stato della macchina”.

Posti tra la rete di sensori e l’unità centrale, i nodi riducono la complessità dei dati raccolti, inviando al server solo quelli significativi.

Mihai Marin Perianu, ricercatore in Informatica per Inertia Technology:
“Analizzeranno il flusso dei dati in tempo reale e gestiranno alcuni metodi sofisticati di analisi dei dati nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza. Estrarranno le caratteristiche che descrivono precisamente la presenza di difetti e invieranno solo queste caratteristiche al punto centrale. Faremo sempre più affidamento su questa intelligenza distribuita per poter monitorare praticamente ogni pezzo delle attrezzature nei siti industriali. Avverrà su una scala senza precedenti, ma a costi abbordabili”.

Macchinari più sicuri per prodotti di migliore qualità. La strada dell’analisi delle vibrazioni dovrebbe portare lontano. Questa tecnologia secondo gli scienziati diventerà infatti consueta in molti campi.

Paul Havinga, docente di Informatica, università di Twente e coordinatore del progetto Wibrate:
“Le vibrazioni sono ovunque nel mondo. Negli aerei, negli elicotteri, nei macchinari, nei treni. La vibrazione ci fa capire il livello di qualità e lo status del macchinario, se ci sarà un guasto o meno in futuro. Fra pochi anni vedremo che la vibrometria sarà utilizzata sui treni per controllare la sicurezza dei passeggeri e negli aerei per monitorare il volo. E inoltre potremmo vederla nelle industrie come strumento per controllare il loro corretto funzionamento”.

www.wibrate.eu