ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Garimberti: "Brutta campagna, anche Monti è 'sceso' in politica"

Lettura in corso:

Garimberti: "Brutta campagna, anche Monti è 'sceso' in politica"

Dimensioni di testo Aa Aa

Anche Mario Monti è “sceso” in politica: per Paolo Garimberti, giornalista ed ex presidente Rai, anche il professore è scivolato sulla buccia di banana della “volgarità da campagna elettorale televisiva”.
“Il piccolo schermo ha avuto un ruolo preponderante – continua Garimberti – i comizi di piazza sono scomparsi, ad eccezione di Grillo che continua a radunare migliaia di persone. Ma questa presenza intensa ha finito per avere un effetto boomerang, invece di aumentare l’interesse degli elettori lo ha ridotto”.

“I politici hanno invaso i media ma senza parlare di programmi”, secondo Garimberti alimentando piuttosto un clima da rissa permanente a cui nemmeno l’algido professor Monti è riuscito a sfuggire, “finendo per alienarsi qualche simpatia tra gli elettori che lo avrebbero scelto anche per lo stile elevato”.

Proprio l’ex premier chiede a gran voce il confronto televisivo a tre, con Berlusconi e Bersani. Per l’ex presidente Rai si tratta di un’occasione da non perdere per conoscere i loro programmi al di là delle schermaglie: “Devono dirci cosa faranno una volta eletti – afferma Garimberti – perché questo ancora non lo sappiamo. Abbiamo i nostri contingenti impegnati su fronti pericolosi come Afghanistan e Libano, nessuno dei candidati ha mai affrontato questo tema. Eppure di italiani ne sono morti tanti, quasi un centinaio, queste cose bisogna dirle. Il brutto di questa campagna elettorale è anche che oggi molta gente dice di non sapere per chi votare, c‘è il rischio dell’astensionismo, sono mancati i contenuti e sono abbondati gli insulti”.

Ascolta l’intervista integrale a Paolo Garimberti, giornalista ed ex presidente Rai.