ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lotta al lavoro minorile

Lettura in corso:

Lotta al lavoro minorile

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono ancora circa 250 milioni i bambini in tutto il mondo che non possono vivere la loro infanzia e che invece sono costretti a lavorare, in condizioni orribili.

Molte le organizzazioni che, con tutte le loro forze, cercano di tutelare la salute di questi bambini e di garantire loro un’istruzione.

Benin: la missione “Foyer Don Bosco”

A Cotonou, nel sud del Benin, si trova uno dei più grandi mercati all’aperto dell’Ovest africano. Qui si può trovare di tutto. Anche le peggiori forme di sfruttamento del lavoro minorile.

Si stima che oggi circa 200mila bambini nell’Africa occidentale siano impiegati nelle fattorie, nelle miniere e nei mercati come questo.

Il traffico di minori che avviene attraverso il confine-groviera con la Nigeria, è diventato un business-chiave.

Tra le numerose associazioni locali che combattono questo fenomeno c‘è il “Foyer Don Bosco”.

In Africa aumenta lo sfruttamento del lavoro minorile

Siamo andati a Ginevra, nel quartiere generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

Abbiamo incontrato Patrick Quinn, che si occupa del programma per l’eliminazione del lavoro minorile. Ci ha illustrato gli obiettivi da raggiungere entro il 2016.

Quinn ha anche evidenziato un dato allarmante: nel Benin e in generale in Africa si sta assistendo ad un trend molto preoccupante negli ultimi 4 anni: riguarda l’aumento del lavoro minorile.

Al tempo stesso nel sud-est asiatico sono stati fatti progressi nella lotta al lavoro in età infantile. Ma data la densità della popolazione, l’area ha ancora la più alta concentrazione di bambini lavoratori a livello globale.

India: l’ex bambino lavoratore oggi è un attivista

Dai massacri in Myanmar, dove è nato, al lavoro nella fabbrica di mattoni di Chennai in India. Questo c‘è nel difficile passato di Susai.

Oggi è un avvocato e un attivista che, grazie alla sua organizzazione, Jeeva Jyoti (“vita eterna”), sta salvando migliaia di bambini a cui è stata rubata l’infanzia.

Per maggiori informazioni:

http://www.jeevajyothi.org