This content is not available in your region

Expo 2020 e i 50 progetti degli Emirati Arabi Uniti per rilanciare l'economia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Expo 2020 e i 50 progetti degli Emirati Arabi Uniti per rilanciare l'economia
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Expo di Dubai è la 35esima fiera mondiale degli ultimi 170 anni, creata per condividere idee e innovazioni per risolvere alcuni dei problemi del mondo. La cerimonia di apertura ha visto sfilare una parata di stelle, tra cui Andrea Bocelli e le cantanti Ellie Goulding e Angelique Kidjo.

"Collegare le menti, creare il futuro" è il tema principale dell'Expo. All'evento partecipano 192 paesi, nei prossimi sei mesi sono attesi più di 25 milioni di visitatori. Sostenibilità, mobilità e opportunità sono gli altri tre cardini di quest'edizione. Anche se molti eventi saranno trasmessi in streaming online, Dubai si aspetta di attrarre ancora più visitatori di Milano, che aveva ospitato l'edizione precedente, anche grazie al progressivo allentamento delle restrizioni sui viaggi a livello globale.

"È un evento molto importante, e naturalmente è molto influenzato dalla pandemia - dice Carmen Bueno, vice commissario generale del padiglione spagnolo -. È importante perché questa è la prima grande manifestazione in cui la gente si incontrerà fisicamente e non virtualmente in videoconferenza. Sarà un raduno fisico, un raduno di persone provenienti da tutte le parti del mondo. Questo significa che stiamo iniziando a non avere più paura, che siamo pronti a viaggiare, siamo pronti a visitare altri luoghi e a sperimentare e a condividere esperienze con gli altri".

Le precedenti edizioni hanno lanciato scoperte che hanno cambiato il mondo, ma l'Expo è ancora soprattutto un forum per il commercio e il rafforzamento delle relazioni diplomatiche. Per paesi e aziende è un'occasione per incrementare gli scambi commerciali e gli investimenti.

Essendo la prima fiera mondiale che si tiene nella regione del Medio Oriente, Asia meridionale e Africa, i piani sono ambiziosi. La speranza è che l'Expo riunisca la comunità internazionale per affrontare sfide come il cambiamento climatico, i conflitti e la crescita economica.

Il Regno Unito senza camionisti

Il governo britannico ha deciso di concedere visti temporanei a 5000 camionisti per far fronte alle carenze di carburante e prodotti alimentari nel Regno Unito.

Ci sono state lunghe code nelle stazioni di servizio di tutto il paese, a corto di carburante a causa della carenza di camionisti. Il governo di Boris Johnson ha provato a sminuire l'opinione diffusa secondo cui la mancanza di camionisti sia una conseguenza della Brexit. Per l'esecutivo britannico la causa è una combinazione di fattori.

La pandemia ha aggravato la situazione e ha spinto migliaia di camionisti a lasciare il Regno Unito per tornare nei loro paesi. Tutto cià ha causato un aumento delle richieste di licenze HGV a livello nazionale, visto che i datori di lavoro sono stati costretti ad offrire salari più alti.

"Nell'ultimo mese la paga è aumentata considerevolmente, in alcuni casi è raddoppiata - dice Andrew Hawes, istruttore al National Driving Centre -. Ma a causa del Covid è un periodo di grande transizione anche per altri settori. Così, per esempio, abbiamo avuto piloti di linea e avvocati che sono venuti a fare i corsi HGV perché lo vedono come un impiego sostenibile".

Il governo ha deciso di schierare anche i militari per cercare di alleviare le carenze nelle forniture, che hanno causato lunghe file alle stazioni di servizio e pompe vuote.

I 50 progetti degli Emirati Arabi Uniti per rilanciare l'economia

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato 50 nuove iniziative economiche per aumentare la competitività del paese e attrarre 126 miliardi di euro di investimenti diretti dall'estero nei prossimi nove anni. Una di queste iniziative, la 10 by 10, mira ad aumentare le esportazioni degli Emirati Arabi Uniti del 10% all'anno verso 10 mercati globali.

Altri progetti includono investimenti nella tecnologia, la creazione di nuovi visti per imprenditori e lavoratori qualificati, e un ampliamento delle sponsorizzazioni familiari per attrarre e mantenere i residenti. Inoltre Emirati Arabi Uniti ed Emirates Development Bank (Edb) investiranno 1,1 miliardi di euro nella tecnologia industriale e nei settori ad alto contenuto tecnologico.

"Edb è qui per sostenere come partner finanziario alcuni di questi progetti, in particolare sono due le iniziative su cui stiamo lavorando - dice Ahmed Mohamed Al Naqbi, amministratore delegato di Emirates Development Bank -. Una di queste prevede oltre un miliardo di euro di finanziamenti per le Pmii degli Emirati nei prossimi cinque anni. Stiamo anche guardando alla sicurezza alimentare, alla produzione, alla sanità e alle infrastrutture.

In aggiunta il governo ha presentato anche una nuova legge sulla protezione dei dati personali. "Volevamo assicurarci che le aziende dell'economia digitale avessero un incentivo a venire negli Emirati e a considerarli casa loro - dice Omar Sultan Al Olama, ministro per l'intelligenza artificiale degli Emirati Arabi Uniti -. Abbiamo voluto bilanciare l'aspetto della privacy, ci preoccupiamo delle libertà individuali e della privacy , ma vogliamo anche che il settore privato sia in grado di prosperare. Sappiamo che l'economia digitale è in continuo cambiamento e che ci sono nuove tendenze in arrivo, non pretendiamo di essere sempre all'avanguardia ma vogliamo sforzarci di essere i leader nel settore".