This content is not available in your region

Dati climatici: la nuova chiave per il processo decisionale finanziario

Dati climatici: la nuova chiave per il processo decisionale finanziario
Diritti d'autore  Getty Images
Di Copernicus
Dimensioni di testo Aa Aa

In un clima in costante cambiamento, il settore finanziario avrà sempre più bisogno di dati, previsioni e proiezioni precisi per valutare i rischi di investimento e identificare nuove opportunità. Avere a portata di mano informazioni affidabili accelererà il passaggio a un'economia globale resiliente al clima.

Da alcuni anni, ci si aspetta che il settore finanziario contribuisca a realizzare azioni di adattamento e mitigazione climatica e prenda decisioni di investimento più rispettose dell’ambiente. In questo momento, con il mondo che contempla una ripresa ecologica post-pandemia, cresce l’aspettativa che banche e investitori guidino tale inverdimento in modi più trasparenti.

Mantenere il pericoloso riscaldamento al di sotto di 1,5 °C e arrivare a uno scenario di emissioni nette zero entro il 2050 ha un costo notevole. Secondo le Nazioni Unite, a livello globale, dovremmo investire tra cinque e sette trilioni di dollari all'anno per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) allo scopo di combattere le sfide globali come il cambiamento climatico; siamo lontani dalla stima attuale di tre trilioni di dollari all’anno. Tuttavia, le istituzioni finanziarie "devono reagire al fatto che il rischio climatico è diventato un rischio di investimento", ha detto Philip Hildebrand, vice presidente di BlackRock, uno dei maggiori gestori patrimoniali del mondo, al Forum economico mondiale di Davos a gennaio.

Aumentare gli investimenti in progetti e industrie a basse emissioni di carbonio promuove la decarbonizzazione e scoraggia la crescita dei settori ad alta intensità di carbonio. Ma per ripulire i suoi portafogli, il settore finanziario deve capire meglio in che modo il cambiamento climatico influisce sulle sue risorse attuali e future e come può ridurre il suo impatto ambientale. Imparare a conoscere e a utilizzare le informazioni sul clima fa parte del compito.

"Quando si parla di finanza verde, un elemento importante è aiutare a ridurre le emissioni di CO2, investendo in tecnologia verde e disinvestendo in tecnologia marrone", spiega Harilaos Loukos, fondatore della Climate Data Factory, un fornitore online di dati climatici pronti all'uso. "Un altro elemento essenziale è l'adattamento: in che modo i finanziamenti possono contribuire ad aumentare la resilienza delle nostre società, come possiamo finanziare i piani di adattamento, ecc." Che le istituzioni finanziarie facciano l'una o l'altra cosa, oppure entrambe, valutare i rischi finanziari legati al clima è fondamentale.

© Getty Images
Copernicus© Getty Images

La valutazione dei rischi finanziari in futuro farà grande affidamento sui dati climatici

Il settore finanziario si sta ora concentrando su due tipi principali di rischi finanziari: transitori e fisici. I primi derivano dai cambiamenti che società e imprese devono implementare per adattarsi a un'economia a basse emissioni di carbonio. I rischi fisici si riferiscono alle conseguenze delle condizioni climatiche future e al risutante impatto finanziario. "Sono due facce della stessa medaglia", afferma Romain Hubert, un project manager che si occupa dell'integrazione dei rischi fisici del clima nella finanza presso l'Institute for Climate Economics (I4CE), società di un gruppo di esperti con sede a Parigi che sostiene l'azione sui cambiamenti climatici. "In entrambi i casi, le banche, gli investitori, i gestori patrimoniali, le compagnie di assicurazione vogliono sapere in che modo i problemi legati al clima influenzeranno le persone, le aziende o i governi e la loro capacità di rimborsare i prestiti, garantire ritorni finanziari agli investitori o portare a un aumento delle richieste di indennizzi assicurativi."

"Potrebbero esserci rischi diretti per le persone, gli ecosistemi o le infrastrutture o rischi remoti per le filiere”, afferma la dott.ssa Samantha Burgess, vicedirettrice del Copernicus Climate Change Service (C3S). I rischi derivano da fenomeni estremi, come forti piogge, inondazioni, ondate di caldo, mareggiate o siccità, nonché da cambiamenti climatici a lungo termine. Complessivamente, secondo l'Economist Intelligence Unit, si stima che il valore totale delle attività esposte ai rischi del cambiamento climatico raggiungerà 43 trilioni di dollari entro il 2100. “Purtroppo, l’impatto finanziario dei cambiamenti climatici non è ancora adeguatamente analizzato, valutato, riportato e divulgato al pubblico. Lo sviluppo di best practice di base per l'impiego dei dati climatici per valutare i rischi attuali e potenziali è incredibilmente importante per garantire la resilienza degli investimenti futuri", aggiunge la dott.ssa Burgess.

Alcuni anni fa, il settore considerava il cambiamento climatico troppo distante per essere incluso nel processo decisionale finanziario. Ma ora ci si aspetta dal settore finanziario trasparenza sui rischi climatici. Istituita nel 2015, la Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) crea raccomandazioni per la divulgazione dei rischi finanziari legati al clima che le aziende devono affrontare. Queste raccomandazioni ad uso di società, banche e investitori possono aiutare le istituzioni a prendere decisioni responsabili nelle aree di governance, strategia, gestione del rischio, metriche e obiettivi.

Sebbene il TCFD non imponga alle aziende di segnalare i rischi climatici, il dottor Burgess di C3S lo considera uno standard emergente per assicurarsi che le aziende comunichino la loro esposizione ai cambiamenti climatici. Ma la valutazione di tali rischi richiede che il settore finanziario utilizzi complesse informazioni sul clima a cui, fino a questo momento, solo gli assicuratori hanno avuto accesso.

Fonte: Copernicus Climate Change Service/ECMWF
Archivio di nastri magnetici presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (ECMWF).Fonte: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Copernicus e Climate Data Factory lanceranno strumenti per le istituzioni finanziarie

"Uno dei problemi è la difficoltà ad accedere ai dati", afferma Loukos, fondatore di Climate Data Factory. "Perciò stiamo collaborando con C3S per permettere al settore finanziario di accedere ai dati disponibili a seconda delle loro necessità". Il progetto pilota di C3S e Climate Data Factory prevede la creazione di una raccolta di dati sui rischi climatici che aiuterà gli attori finanziari a valutare i propri rischi climatici fisici in linea con le raccomandazioni del TCFD. Il progetto, discusso in dettaglio in un recente webinar, utilizza i dati climatici del Climate Data Store di C3S e aiuta le aziende a comprendere i diversi scenari climatici e l'incertezza dei modelli climatici. Inoltre, cerca di fornire alle aziende dati confrontabili in tutto il mondo. "Ad esempio, gli olandesi hanno dati sulle inondazioni ad altissima risoluzione, ma se sei una grande azienda con risorse nei Paesi Bassi e in altre regioni, non avrai lo stesso tipo di dati", spiega Loukos. "Cerchiamo di fornire dati e una visione globale che possa essere utilizzata in tutte le regioni".

Diversi tipi di incertezza possono ostacolare le valutazioni. "Un'incertezza riguarda lo scenario delle emissioni future", spiega Loukos. "Sarà il normale esercizio o quello in linea con l'accordo di Parigi?" Inoltre, c'è incertezza relativa all'evoluzione del clima in ogni scenario. Utilizzando più modelli climatici per ogni singolo scenario, il progetto pilota C3S affronta questo aspetto dell'incertezza, fornendo un quadro più completo del rischio climatico futuro.

Sotto ClimINVEST, gli investitori e gli scienziati del clima hanno collaborato dando vita a metodologie per la valutazione del rischio posto da eventi climatici estremi e dalla vulnerabilità ed esposizione delle risorse, osservando gli effetti fisici e finanziari che interessano le aziende. "Aiuta a costruire la comprensione reciproca tra gli esperti del clima e gli attori finanziari sulle loro capacità e sui loro bisogni, oltre a stabilire la priorità dei loro sforzi", afferma il dottor Hubert, che lavora con ClimINVEST presso l'Institute for Climate Economics.

© Getty Images
Copernicus© Getty Images

In futuro, i vantaggi finanziari e ambientali potrebbero coincidere

Ma gestire i rischi finanziari legati al clima non corrisponde alla riduzione dell’impatto ambientale. In altre parole, spiega Remco Fischer, responsabile del programma sui cambiamenti climatici del United Nations Environment Programme Finance Initiative, UNEP-FI, (Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente e la finanza), un investitore che gestisce bene i propri rischi legati al clima non è necessariamente un investitore verde, poiché le sue azioni non necessariamente riducono le emissioni.

L'UNEP-FI è tra le organizzazioni che supportano il settore finanziario nell'adozione delle raccomandazioni della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD). "Ma per noi, TCFD è solo l'inizio del viaggio", afferma Fischer. "Dobbiamo convincere le banche a fissare obiettivi ambientali per tutti i loro portafogli". Spiega che, cinque anni fa, questa richiesta non sarebbe stata possibile, ma ora le crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico permettono il coinvolgimento del settore finanziario.

E sta funzionando. Ad oggi, nell'ambito della Net-Zero Asset Owner Alliance convocata dalle Nazioni Unite, 33 investitori istituzionali con risorse per un valore di 5,1 trilioni di dollari si sono impegnati a trasformare i loro portafogli di investimento in emissioni nette zero di gas a effetto serra entro il 2050. Il rapporto del 2020 del TCFD mostra anche che più della metà delle 100 più grandi società pubbliche del mondo supportano la Task Force e si allineano alle sue linee guida. Ma mostra anche che le divulgazioni sul rischio climatico sono ancora troppo lente, con un aumento solo del 6% tra il 2017 e il 2019.

Nell'UE, una direttiva del 2019 finalizzata alle informazioni non finanziarie, impone al settore finanziario di divulgare le proprie politiche di protezione ambientale. Ma Fischer vorrebbe che le comunicazioni finanziarie relative al clima includessero anche informazioni sull'impatto ambientale. Vorrebbe anche che le aziende fissassero obiettivi scientifici per la riduzione delle emissioni. "L'obiettivo che ti stai ponendo dovrebbe essere coerente con le previsioni della scienza sull’economia: quanto ogni settore deve ridurre e, all’interno di ogni settore, cosa deve fare ogni azienda.”

Per concludere, secondo il dottor Burgess di C3S, il fatto che la Nuova Zelanda abbia già reso obbligatorie le divulgazioni sul clima potrebbe portare altri Paesi a seguire l'esempio. E se ciò accadrà, sarà essenziale disporre di dati climatici affidabili e tracciabili.