ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Musica a Dubai: gli artisti tornano a suonare dal vivo in sicurezza

euronews_icons_loading
Musica a Dubai: gli artisti tornano a suonare dal vivo in sicurezza
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

La cantante Layla Kardan si esibisce sui palcoscenici di Dubai da oltre un decennio, ma l'arrivo del Covid 19 ha fermato l'industria dell'intrattenimento.

"È stato davvero difficile non suonare per sei mesi, prima mi esibivo più o meno quattro o cinque volte a settimana - racconta Kardan - è stato un grande shock per il sistema. Voglio dire, mi sembra che la gente sia rimasta a lungo a digiuno di questo tipo di ambiente, tanto da venire con il cuore aperto e davvero pronta a divertirsi. È stata una lunga attesa per gli amanti della musica dal vivo, ma i musicisti qui a Dubai sono tornati al loro posto, esibendosi dal vivo sul palco. Ci divertiamo così tanto quando ci esibiamo, e quello che amo è vedere la gente che fa quel viaggio con noi. Non c'è niente come esibirsi dal vivo. Per me, è la cosa più bella".

Molti musicisti hanno visto la chiusura come un'opportunità per esplorare nuovi modi di creare e condividere la loro musica.

Dice Khan, musicista di Dubai: "Penso che la collaborazione tra artisti sia stata una delle cose più belle che siano capitate. Nel mio caso, c'era questa ragazza che mi ha contattato dall'Italia, mi ha mandato un messaggio dicendomi: 'Ehi, ti va di cantare una canzone insieme? Era una cantante lirica'. Quella collaborazione è stata molto interessante. In seguito, ho contattato alcuni dei ragazzi della scena musicale qui a Dubai. E, sai, tutti ne sono stati entusiasti. Era del tipo: sì dài, collaboriamo, facciamo qualcosa. Così si capisce che tutti stanno aspettando di tornare a fare musica"

Ma non sono i talenti locali a riconoscere la musica come elemento vitale per la cultura di una città.

John Legend, cantautore, produttore discografico, televisivo e teatrale, personaggio tv statunitense, premio Oscar 2015 per la migliore canzone insieme a Common per Glory, un Tony Award, dieci Grammy Awards e il Premio Emmy per lo speciale tv Jesus Christ Superstar – Live in Concert, spiega: "Penso che ciò che definisce meglio una città sia se c'è un mercato vivace per i musicisti che ci vivono, che possono lavorare insieme, collaborare e suonare insieme in città. Molto di ciò che rende e definisce la scena musicale di una città sono i locali più piccoli e gli artisti del posto che sono in grado di esibirsi in quei luoghi. Penso che questo sia ciò che aiuta a creare una scena musicale".

I locali più piccoli di Dubai sono molto frequentati dagli amanti della musica. Usciti dal confinamento, con la distanziazione sociale in atto, sono di nuovo fiorenti: "Che tu ci creda o no, per me è lo stesso una grande cosa, perché sto facendo quello che amo - aggiunge Khan - sto mettendo la mia musica là fuori. Quindi, se si tratta di 20 o di 2mila persone, per me, è comunque arrivare a fare ciò che amo".

I musicisti a Dubai suonano dunque le note giuste e insistono che lo spettacolo deve continuare.