ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Surviving hijab, un'atleta spiega perché non è un'imposizione

euronews_icons_loading
Surviving hijab, un'atleta spiega perché non è un'imposizione
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai Tourism
Dimensioni di testo Aa Aa

James O'Hagan, Euronews: Manal Rostom grazie mille per essere qui con noi su Euronews.

Manal Rostom, attivista e atleta: Grazie per avermi ospitato.

James O'Hagan, Euronews: Lei è un attivista e un'atleta con una serie di primati mondiali a suo nome, incluso essere la prima egiziana ad aver completato cinque delle sei major mondiali di maratona. Tra gli altri exploit ha scalato alcune delle vette più alte del mondo dal Monte Bianco al Kilimanjaro. Ma queste imprese di resistenza non sono le uniche che lei ha dovuto affrontare. Ha anche dovuto sopportare discriminazioni a causa della sua decisione di indossare l'hijab. E questo l'ha portata a fondare una comunità chiamata sopravvissuti della hijab, che ora conta quasi un milione di persone tra i suoi membri. Cos'è un hijab e cosa significa per Lei?

Manal Rostom, attivista e atleta: È una forma di culto obbligatoria. Per obbligatoria intendo che non appena ogni ragazza raggiunge la pubertà, deve indossare l'hijab. noi invece chiediamo che non ci sia costrizione nella religione, il velo non dovrebbe essere imposto a queste bambine.A differenza di quanto si crede, che sia dovuto a ragioni culturali o sociali, a volte i genitori o in alcune aree del mondo, in alcuni paesi si costringono le donne a indossarlo. Quindi immediatamente quell'idea si è collegata all'idea che le donne hijabi fossero oppresse perché l'hijab era stato loro imposto. L'hijab non è una regola. Non è stato imposto a molte donne che conosco.

Manal Rostom, attivista e atleta: Sono egiziana, nata e cresciuta in Kuwait. Sono cresciuta in una scuola britannica. Faccio parte di quelli che chiamano i ragazzi della terza cultura, perché siamo semprein una specie di crisi di identità, tutto il tempo. Sono egiziana, in parte occidentale. Oppure sono kuwaitiana? A volte mi chiedo cosa sono?

Sono cresciuta con questa idea degli stereotipi che venivano imposti alle donne musulmane. Se una donna è coperta o se indossa l'hijab, probabilmente è inavvicinabile, ignorante, noiosa o poco cool. In realtà sono cresciuta odiandola.

Ho deciso di indossare l'hijab il 7 aprile 2001. Ha scioccato tutti quando ho deciso di andare da mio padre e dirgli: ho deciso di mettere il velo.

James O'Hagan, Euronews: Lui era sorpreso come tutti gli altri?

Manal Rostom, attivista e atleta: Era molto sorpreso. Ed era molto contrario al fatto che indossassi l'hijab.

James O'Hagan, Euronews: Perché era contrario all'idea?

Manal Rostom, attivista e atleta: Mi diceva: “come farai sport? Come andrai a correre? " All'età di 21 anni. Non avevo nessuno che mi somigliasse che facesse delle pazzie come le mie. Ho raggiunto il punto di rottura nel 2014. Quando volevo rimuovere il mio hijab. E, sai, a causa di questi molteplici episodi di oh, no, nessun burkini in questa piscina o hijab non è permesso. Oppure se assisti a una partita di calcio con un gruppo di amici. Mi sentivo come se non volessi più farlo.

Mi sentivo come se la società volesse dettare la mia identità. Perché la società mi stava dicendo cosa fare e stesse vietando dell cose ad altre donne. Quindi ho capito che non volevo seguire il flusso. Ho avuto questa idea di creare una comunità, una piattaforma su Facebook, un gruppo che ho chiamato: "Surviving Hijab".

Ho aggiunto 80 ragazze a mano. Ne ho fatto un gruppo chiuso e ho detto che parlavo con il cuore. Il messaggio è ancora lì. Ho scritto: "Ehi ragazze, siamo tutte costrette a toglierci l'hijab a causa delle pressioni della società". Sono dei fenomeni.

James O'Hagan, Euronews: Che dire a chi ha deciso, senza le pressioni della società, di non volerlo più indossare. Qual è il tuo messaggio per loro?

Manal Rostom, attivista e atleta: Si ha tutto il diritto di togliersi l'hijab e cambiare idea. Se non ti identifichi più o non ti relazioni più con il velo. Credo che unana ragazza che non si copre il capo, ma fa buone azioni può essere in una posizione più alta per Dio, di me.

Quindi non spetta a me giudicare. Il mio messaggio se entri a fare parte del gruppo sopravvissute all'hijab è: guarda che cose facciamo.

Non devi essere musulmano per partecipare. Non devi essere una donna hijabi, coperta. Devi solo voler sostenere qualsiasi donna ad abbracciare la sua fede, in qualunque modo sia. Anche se sei lì solo per istruirti.Le bambine mi contattano, sa, e mi pongono domande spaventose tipo: ho 19 o 17 anni. Sono campionessa di basket. Sono arrivata alle finali, ma non mi lasciano giocare perché sono in hijab. Mi tolgo l'hijab o rinuncio allo sport?

James O'Hagan, Euronews: Cosa risponde?

Manal Rostom, attivista e atleta: Tutto quello che dico è che devi continuare a lottare per il tuo diritto di giocare con il tuo hijab. Quindi non dico loro di smettere. E non dico loro di toglierlo, perché nessuna delle due scelte è la soluzione. Sto solo cercando di cambiare la percezione del mondo su chi sia una donna hijabi.

James O'Hagan, Euronews: Una parte importante di questo progetto è stata la collaborazione con Nike. Com'è andata?

Manal Rostom, attivista e atleta: Ho scritto un'e-mail al responsabile delle scarpe da ginnastica Nike in Medio Oriente. Il suo nome è Tom Woolfe. E ho allegato un link al nostro gruppo. Ho scritto: “non c'è una rappresentanza musulmana di un marchio così gigante. Non è ora di iniziare a prenderci cura di noi musulmane come donne? "

La mattina dopo, ricevo come una risposta di Woolfe che mi dice "ottima idea". Quando ci possiamo incontrare? È stato come aprire i cancelli della speranza.

Manal Rostom, attivista e atleta: Nel giro di un paio di settimane, sono diventata la prima atleta che indossava l'hijab ad apparire in una campagna Nike per il Medio Oriente. E avevano fabbricato un hijab che permetteva la traspirazione restando asciutto. E dovevo diventarne il volto nel mondo, non solo in Medio Oriente.

James O'Hagan, Euronews: In Belgio di recente, abbiamo visto che l'hijab è stato vietato in alcune

università, cosa che ha scatenato proteste, la creazione di un movimento lì ...

Manal Rostom, attivista e atleta: Quindi il Belgio sta dicendo, se indossi l'hijab, non sei autorizzata nella nostra università. Per me la cosa non ha alcun senso. Alle donne dovrebbe essere consentito di istruire se stesse, qualunque sia la loro fede. C'è ancora una mancanza di conoscenza su cosa sia l'hijab. Non è un simbolo. È un codice di abbigliamento.James O'Hagan, Euronews: Ovviamente c'è opposizione. E hai dovuto affrontare un sacco di contraccolpi da quando è iniziato questo attivismo. Qualis sono e come risponde alle critiche?

Dalla comunità musulmana a vlte dicono"Manal non ci rappresenta". Manal parla di codice di abbigliamento di Manal, non è nemmeno islamica. Manal sta rovinando l'immagine delle donne musulmane nel mondo. Manal sta facendo tutto questo per la fama.E poi ci sono altre persone, soprattutto occidentali che dicono "l'hijab è un segno di oppressione. Stai sostenendo l'oppressione per le donne. Questo è esattamente il motivo per cui penso ci sia bisogno di molta più istruzione. l'hijab non è l'oppressione. È la società ci sta opprimendo, mettendoci al bando. Non stanno cercando di capire ciò che rappresenta, perché lo indossiamo, come lo indossiamo. Perché dovremmo poterlo indossare.James O'Hagan, Euronews: Voglio concludere parlando ancora un po 'di Surviving Hijab. Ha fatto parecchie uscite e una di queste ha coinvolto il campo base dell'Everest. Mi piacerebbe saperne di più su.

Volevo portare le donne al campo base della montagna più alta del mondo che è l'Everest. E sa che il mio messaggio era questo: "insieme, che tu sia musulmano o no, che tu ti copra il capo o meno, che tu sia bianco o nero, siamo tutti uniti per sostenere le donne nell'esercizio della loro fede, nel modo in cui vogliono".

James O'Hagan, Euronews: Manal, è stato un piacere parlare con Lei. Grazie mille per essere stata su euronews.

Grazie mille.