ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La fotografa Semra Sevin sul potere della bellezza

La fotografa Semra Sevin sul potere della bellezza

La fotografa Semra Sevin sul potere della bellezza

Idealista col cuore: la fotografa Semra Sevin produce immagini astratte a più livelli e fotografie concettuali.

Di origine turca ma cresciuta in Germania, l'artista è orgogliosa del suo background multiculturale, e questo patrimonio ha portato Semra a sottolineare il concetto di diversità. La sua esplorazione si traduce in soggetti e luoghi studiati, profonde installazioni di meditazione e fotografia, con fotografie acriliche multistrato illuminate da filtri colorati.

Abbiamo avuto l'opportunità di parlare con lei, conoscere il suo passato, le sue preferenze e ascoltare la sua visione umanistica del mondo. Questa è la nostra conversazione:

Come è iniziato il tuo viaggio fotografico?

"Da quando ero molto piccola, la fotografia è stato il mio mezzo per sopravvivere. Vengo da una famiglia povera di lavoratori migranti dove ho visto mia madre soffrire quotidianamente di violenza domestica.

Non avevo spazio per me stessa. Sognare mi ha dato quest'opportunità di fuga, mi ha dato la possibilità di immaginare un'altra vita.

Musica, disegno, pittura, collage, piccoli drammi teatrali, spettacoli radiofonici.....e così via. Più il mio ambiente è diventato sgradevole, più energia ho accumulato per la mia creatività.

Semra Sevin

So che a qualcuno potrebbe sembrare una storia triste..... ma sento che questa esperienza mi ha dato dei superpoteri! Mi ha permesso di affinare la mia capacità di immaginare, di essere visionaria e di rendere le cose belle. E la bellezza ha potere.

Un giorno mio fratello mi comprò una macchina fotografica Minolta usata con tre obiettivi, e da quel giorno la mia energia creativa trovò la sua destinazione finale".

Semra Sevin

Quali sono gli elementi essenziali dei tuoi viaggi e quale telecamera usi?

"Quando viaggio per i miei scatti 'riflessivi', devo essere in grado di spostarmi velocemente con la mia attrezzatura da una località all'altra e di essere agile durante le riprese stesse. Quando non noleggio una fotocamera uso la mia Canon 5D Mark 2. Per scolpire il flash uso torce Canon con filtri colore e softbox o a nido d'ape.

Utilizzo sempre abiti leggeri e comodi e scarpe da passeggio robuste, e anche vestiti con tasche per mettere le batterie e l'attrezzatura. Indosso una borsa da cintura "elegante" per gli accessori più importanti come colla, elastici, un taglierino, un penny, un panno per lenti, batterie, un livello, una bussola, un filtro per osservare il movimento del sole, e qualche moneta locale.

Semra Sevin

Mi piace anche avere una mappa della città che sto visitando per sapere dove il sole si alza e tramonta in quel luogo. E se non parlo la lingua locale, mi assicuro di avere accesso a un dizionario. Qualche parola basta con la gente del posto e può fare miracoli per il tuo lavoro".

Qual è l'unica cosa che avresti voluto sapere quando hai iniziato a scattare foto?

"Costruire un puro business redditizio oppure avere un lavoro che ti piace e che finanzia i tuoi sforzi creativi. Imparare a investire in obbligazioni, azioni o moneta criptata, costruire un reddito passivo.

Gestire l'arte come un'azienda."

Semra Sevin

Come descriveresti il tuo stile fotografico?

"Potrebbe sicuramente rientrare in alcune categorie. I miei ritratti "a riflessione" rientrano nella categoria dell'arte, ma anche in quella dei ritratti insoliti o della fotografia concettuale. Le mie città 'a riflessione' possono essere classificate come fotografia d'arte o fotografia ambientale astratta. Recentemente ho iniziato a presentare le mie fotografie con specchi, luci e su lastre acriliche multistrato che le trasformano in installazioni fotografiche".

Semra Sevin

Qual'è il tuo posto o cosa preferita da fotografare?

"Come fotografa concettuale, scelgo le location in base ai miei obiettivi. Prima progetto un concetto e poi scelgo il luogo che può materializzare questi pensieri.

Tendo a tornare in posti dove ho vissuto per diversi anni.

Allo stesso tempo i temi che affronto dovrebbero sfidarmi e insegnarmi nuovi aspetti del mondo che conosco. Mi piacciono i soggetti in cui la ricerca è necessaria per capire la portata globale a cui sono collegati.

Semra Sevin

Posto preferito in Europa e perchè?

"Tra le località europee in cui ho viaggiato finora, l'Italia è la mia preferita. Sono trattata come una di loro e il mio aspetto etnico non ostacola il mio lavoro, fare amicizia o trovare un partner. La gente mi giudica per le mie azioni e il mio carattere piuttosto che per il mio aspetto.

Cresciuta in Germania, i miei genitori mi hanno incoraggiato a immergermi nella cultura tedesca, a festeggiare il Natale, a parlare solo in tedesco, a guardare la TV tedesca, a fare amicizia solo con i tedeschi e a lavorare dieci volte di più di qualsiasi altro tedesco. Mia madre ha persino adottato la cucina tedesca cucinando cotoletta, gulasch, patate e crauti.

Dopo 11 anni di carriera internazionale nel mondo del cinema e della fotografia all'estero, mi aspettavo che le cose sarebbero state più facili quando sarei tornata in Germania, perché per me questo era il mio paese d'origine. Ma i tedeschi mi giudicano ancora oggi dalla cultura dei miei genitori, anche se io stessa sono straniera alla cultura dei miei genitori. Il mio nome non-nordico (cioè classicamente occidentale) e il mio aspetto mi hanno intrappolato.

Inoltre, in Germania è in corso una massiccia campagna negativa nei confronti delle persone di origine turca.

Paesi come la Francia e l'Inghilterra hanno messo in evidenza esempi positivi di persone con un background migratorio o con visioni aperte in quanto a posizioni pubbliche. In Italia ancora di più. Gli italiani sono più regionalisti che nazionalisti, cosa che focalizza la loro identità al di fuori dei valori nazionali o nordici. È facile essere lì, ed è per questo che è la mia località europea preferita.

Lavoro in un ambiente altamente competitivo e le questioni di cui sopra possono interferire facilmente con la mia carriera".

Semra Sevin

La foto più memorabile che tu abbia mai fatto?

"Come fotografa professionista, si suppone che tu crei costantemente foto di altissima qualità. Ciò che rimane di memorabile sono le circostanze in cui ho lavorato e le avventure che ho vissuto per arrivare ad ottenere una foto che tocca le persone".

Semra Sevin

Chi ti ha ispirato di più durante il tuo viaggio?

"Tutti i fotografi con cui ho lavorato, la mia famiglia e il diploma fotografico che ho preso, hanno contribuito alla mia formazione di fotografa.

Sono stata segnata anche da uno dei fotografi di moda con cui ho lavorato a uno shooting per Vogue. Gli ho chiesto come poteva sempre fare foto così eccellenti, non conoscendo a volte la posizione esatta, la personalità delle modelle, il team e il tempo. La sua risposta è stata: "Devi fidarti del tuo istinto".

Creo spesso foto sotto pressione e in circostanze difficili. Ma la fiducia nel mio istinto lo rende privo di stress".

Le tue immagini non sono molto comuni; hai un metodo di produzione standard?

"Negli ultimi anni ho lavorato con diverse superfici per creare strati nelle immagini con la macchina fotografica: Photoshop non fa parte del processo. Sono solo molto abile con la fotografia in generale e la tecnica della luce.

Sto anche passando a nuove tecniche in cui uso installazioni a strati per sottolineare il concetto di diversità, e credo che in futuro continuerò ad esplorare diverse tecniche artistiche".

Sevin ha un'installazione in corso al Wende Museum in California, USA, fino al 13 gennaio 2019, e sta curando anche la mostra di The Big Group su Fluid Identities.

Sevin ha un'installazione in corso al Wende Museum in California, USA, fino al 13 gennaio 2019, e sta curando anche la mostra di The Big Group su Fluid Identities.

Segui il lavoro di Semra sull'account Instagram di Euronews @euronews.tv.