Polonia, forse trovato un modo per evitare l'inquinamento secondario dell'Oder

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
Barche a motore hanno navigato sul lago Dąbie in Polonia
Barche a motore hanno navigato sul lago Dąbie in Polonia   -   Diritti d'autore  PLTVP   -  

Ossigenare l’acqua per cercare di porre rimedio al disastro dell’Oder. Le barche a motore hanno navigato sul lago Dąbie in Polonia. Muovendosi sull'acqua i motori creano movimento e onde aumentando così la quantità di ossigeno. Un modo che può essere utilizzato anche per evitare l’inquinamento secondario nel fiume.

Sono circa 300 le tonnellate di pesci morti estratti dalle acque del fiume che separa Germania e Polonia. Un disastro ambientale che forse è collegato a una mini-alga tossica. A riferirlo il ministro dell'Ambiente tedesco. L'organismo incriminato, chiamato "alga dorata", è comune negli estuari e si sviluppa normalmente in acque salmastre. Intanto i governi dei due Paesi che si rimpallano le accuse.

"Anni di lavoro buttati all'aria"

Nel porto turistico vuoto di Cigacice, in Polonia, sulle rive del fiume Oder, i vigili del fuoco stanno ancora rimuovendo i pesci morti dall'acqua, dopo un disastro ambientale che ha ucciso migliaia di esemplari. Secondo gli esperti, le ripercussioni si protrarranno per anni. 

Le immagini satellitari hanno rilevato un aumento della concentrazione di clorofilla nel lago, con fioritura di alghe, che a sua volta può causare carenza di ossigeno. Riscontrato anche un alto livello di salinità, probabilmente dovuto alle alte temperature e alla siccità con il conseguente abbassamento del livello dell’acqua.

La ministra dell’Ambiente polacca Anna Moskwa ha parlato di “fake news provenienti dalla Germania” riferendosi alla segnalazione da parte del ministero dell’Ambiente del Brandeburgo di alti livelli di pesticidi nell’acqua nel tratto polacco dell’Oder.

"Cocktail chimico"

Andreas Kübler, portavoce del ministero dell'Ambiente Tedesco, ha affermato: "Ci sono diverse sostanze organiche e inorganiche che potrebbero essere responsabili. Sembra davvero un cocktail chimico. Secondo quanto abbiamo riscontrato fino a questo momento nessuna di queste sostanze da sola ha portato alla morte dei pesci”.