Fallimento colloqui Vučić-Kurti, tensione Kosovo-Serbia: truppe americane e della Nato al confine

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
Il ponte divide la comunità serba da quella kosovara, a Mitrovica. I carabinieri fanno parte del KFOR e controllano.
Il ponte divide la comunità serba da quella kosovara, a Mitrovica. I carabinieri fanno parte del KFOR e controllano.   -   Diritti d'autore  Video AP

Truppe americane e della NATO - che fanno parte, insieme ai carabinieri italiani e altre forze internazionali, del KFOR (Kosovo Force), sono state dispiegate sulle strade principali del nord del Kosovo. 

Colloqui falliti (per ora)

La tensione è aumentata in seguito al fallimento dei colloqui, a Bruxelles, tra il presidente serbo Aleksandar Vučić e il primo ministro kosovaro Albin Kurti: i due leader non sono riusciti a raggiungere un accordo sulle questioni di confine e di riconoscimento reciproco, che da anni rendono instabile la situazione nei Balcani.

Josep Borrell, alto rappresentante dell'Unione europea gli Affari Esteri, dopo l'incontro ha laconicamente annunciato: "Oggi non c'è alcun accordo". 
Borrell ha aggiunto che Kurti e Vučić hanno comunque acconsentito a ulteriori discussioni, nei prossimi giorni, per accelerare il processo di normalizzazione dei legami tra i loro Paesi, che sono stati in guerra nel 1998-1999.

Nella città di confine di Mitrovica, divisa a metà tra Serbia e Kosovo, la tensione è particolarmente alta. In molti, qui, temono che il fallimento dei negoziati politici tra i due Paesi - volti a risolvere 20 anni di stallo tra Serbia e Kosovo - possa portare a qualche forma di conflitto locale tra kosovari, serbi e albanesi.

Il Kosovo è un'ex regione della Serbia: Belgrado ha sempre rifiutato di riconoscerne la dichiarazione di indipendenza del 2008.

Video AP
Bandiera serba e bandiera russa, con scritto: "Il Kosovo è Serbia, la Crimea è Russia".Video AP

Documenti e targhe

Le tensioni tra Serbia e Kosovo sono riesplose in luglio, quando il governo di Kurti ha dichiarato che i documenti d'identità e le targhe dei veicoli serbi non sarebbero più stati validi nel territorio kosovaro.

La minoranza serba, che vive soprattutto nel nord del Kosovo, ha reagito con rabbia alla proposta, erigendo posti di blocco, facendo risuonare le sirene antiaeree e sparando con le armi in aria e in direzione degli agenti di polizia del Kosovo.

La Serbia, in risposta, ha attuato le stesse misure per i cittadini kosovari che entrano in Serbia.

La proposta del Kosovo su documenti e targhe, per ora, è stata rinviata al 1° settembre. 

Gli alleati della Serbia e gli alleati del Kosovo

Insieme alla Serbia, i suoi alleati Russia e Cina non riconoscono l'indipendenza del Kosovo, sostenuta - viceversa - dagli Stati Uniti e dalla maggior parte degli altri Stati occidentali.

In Occidente si teme che la Russia possa incoraggiare la Serbia ad un intervento armato nel nord del Kosovo, che destabilizzerebbe ulteriormente i Balcani e sposterebbe, almeno in parte, l'attenzione dalla guerra della Russia in Ucraina.

Bojan Slavkovic/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
La statua dell'eroe serbo Duke Lazar, a Mitrovica. Sotto, una pattuglia dei carabinieri italiani, membri della KFOR.Bojan Slavkovic/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved