This content is not available in your region

Lettere omofobe ad Aosta in vista del primo Pride

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Presidente Arcigay Vda, ora valuteremo come comportarci
Presidente Arcigay Vda, ora valuteremo come comportarci

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">AOSTA</span>, 28 <span class="caps">LUG</span> – Lettere anonime con frasi di scherno<br /> in vista del primo Aosta Pride, in programma in autunno, e con<br /> tanto di logo dell’evento sono state trovate nel centro del<br /> capoluogo valdostano. “Erano su alcune auto e non sappiamo chi possa averle<br /> lasciate. Si tratta di lettere poco simpatiche, c‘è sicuramente<br /> una componente omotransfobica quando ci si riferisce al fatto<br /> che si potrà venire vestiti da donna”, commenta il presidente di<br /> Arcigay Valle d’Aosta, Giulio Gasperini, del comitato Aosta<br /> Pride. Sono indirizzate “a persone esistenti ma non a politici.<br /> Adesso insieme al comitato capiremo cosa fare, come<br /> comportarci”. Negli scritti ci si riferisce ai destinatari con espressioni<br /> come “nostro socio tesserato e simpatizzante” e “nostro caro<br /> sostenitore e tesserato di lusso”, ad Aosta come “magica città<br /> libertina” e al Pride come “festa in maschera”. Il programma dell’evento prevede una parata sabato 24<br /> settembre e un ‘Pride week’ con diverse iniziative culturali.<br /> Viste le elezioni politiche del 25 settembre, l’organizzazione<br /> sta valutando se modificare la data. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.