This content is not available in your region

Allarme ONU, in aumento l'uso di droghe tra i giovanissimi. Strage di overdose negli USA

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini  &  Johannes Pleschberger
euronews_icons_loading
Aumenta consumo e traffico di droga
Aumenta consumo e traffico di droga   -   Diritti d'autore  Thein Zaw/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.

Un dato che preoccupa istituzioni e sanitari. Secondo il World Drug Report 2022, l’ultimo rapporto sulla droga delle Nazioni Unite, il numero di tossicodipendenti nel mondo è aumentato di un quarto nell'ultimo decennio. Molti iniziano ad abusare di sostanze fin da piccoli, proprio come Peter. All’inizio prendeva i sonniferi della madre. Dopo qualche anno è passato alla morfina e ora da circa 20 anni è dipendente dalla droga come il suo amico Martin, eroinomane. Entrambi preferiscono rimanere anonimi.

"Hai come la sensazione di sparire. Mi faccio così dimentico lo stress e altre cose simili, ci racconta Martin. "La morfina è l'unico piacere che ha un tossicodipendente. La uso tre volte al giorno. Con gli anni l'effetto però cala sempre di più”, dice Peter con il volto coperto.

Loro hanno cercato aiuto presso l’Ong Volkshilfe a Vienna. Volevano smettere di usare oppiacei assumendo un farmaco sostitutivo. Le pillole hanno un effetto simile ma non intossicano il fisico. Durante la pandemia, molti paesi hanno modificato l'accesso a questo tipo di trattamento. I pazienti ora possono prendere il farmaco a casa invece di dover andare ogni volta in clinica.

Peter, che ora ha 51 anni, è già stato in riabilitazione cinque volte, senza successo. "Una volta che inizi con l’abuso di droghe non riesci più a smettere. E non sono solo io. Su 200 persone che ho visto in riabilitazione forse due o tre sono riusciti a smettere".

Secondo l’ONU, non c'è solo un aumento di eroina ma anche un record nella produzione di cocaina, quasi 2mila tonnellate. Dopo aver raggiungo un minimo storico nel 2014 la produzione è raddoppiata. Europa e Nord America sono i due mercati principali. Per la prima volta, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e il crimine (UNODC) è riuscito a confrontare il consumo di droga tra uomini e donne. Quello che è emerso è un quadro preoccupante: 

Angela Me lavora presso l’UNODC: "Le donne che accedono alle cure devono superare sfide maggiori rispetto agli uomini. Queste sfide sono principalmente due: mettere da parte i pregiudizi e accettarsi.” La disparità di accesso alle cure è evidente, ad esempio, per quanto riguarda le anfetamine. Nel mondo, metà dei consumatori sono donne, ma solo una persona su cinque in cura è di sesso femminile.

I giovani usano più droghe

Il Rapporto lancia diversi allarmi. Dall’uso crescente di cannabis tra i giovanissimi all’aumento di persone che usano droghe: nel 2020 circa 284 milioni di persone di età compresa tra i 15 e i 64 anni hanno fatto uso di droghe, 26 per cento in più rispetto al decennio precedente. 

La produzione di cocaina ha raggiunto livelli record nel 2020, crescendo dell’11 per cento rispetto al 2019 per arrivare a 1.982 tonnellate. Anche i sequestri di cocaina sono aumentati, raggiungendo un record di 1.424 tonnellate nel 2020. 

A preoccupare sono anche le stragi per overdose da oppioidi negli Stati Uniti e Canada. I decessi, causati principalmente dall'uso non medico del fentanyl, continuano a battere ogni record. Stime preliminari negli Stati Uniti indicano oltre 107 mila morti per overdose da droga nel 2021, rispetto a quasi 92 mila nel 2020». Un dato spaventoso. In Italia i morti per overdose sono quasi 400 all’anno.