This content is not available in your region

Judo: Ulan Bator Grand Slam, il ritorno del campione olimpico

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
IJF official site
IJF official site   -   Diritti d'autore  (c) Sabau Gabriela

Grand Slam di judo ad Ulan Bator, seconda giornata in terra mongola contrassegnata dall'assegnazione di quattro medaglie d'oro.

Maestosa la cerimonia di apertura davanti a un'arena gremita: spettacoli in abiti tradizionali mongoli e balli incredibili hanno intrattenuto sia la gente del posto che il pubblico internazionale.

Ad introdurre il tutto il presidente della Federjudo locale, Battulga Khaltmaa, e il direttore generale della Federazione Internazionale, Vlad Marinescu.

Tra gli uomini -73 kg, su tutti il judoka MAKHMADBEKOV, che gareggia sotto la bandiera neutrale della Federazione internazionale e sconfigge nell’atto conclusivo l'idolo di casa TSEND-OCHIR.

Bronzo per l'israeliano BUTBUL e l'uzbeco NOMONOV.

Categoria uomini -81kg: occhi puntati sul ritorno del giapponese NAGASE, campione olimpico di categoria.

Il judoka sembrava calmo e concentrato come sempre: nella sua prima gara ha eseguito una fantastica tecnica o-soto-gati, per la quale è ben noto, a seguire un ippon.

Ha poi combattuto contro il giovane coreano Joonhwan LEE, al secondo torneo major: ebbene, quest'ultimo è riuscito a stravolgere il mondo del judo, sconfiggendo il favoritissimo antagonista.

Il coreano ha quindi affrontato in finale il naturalizzato austriaco BORCHASHVILI, medaglia di bronzo olimpica, e ancora una volta una fulminea tecnica di lancio gli ha fatto vincere la gara, che gli è valsa la seconda medaglia d'oro in altrettanti tornei ufficiali.

Terza piazza proprio per il nipponico NAGASE e l'olandese DE WIT.

A consegnare le medaglie è il sindaco della città di Ulan Bator, Dolgorsuren Sumiyabazar.

"Sono così grato che così tante persone abbiano fatto il tifo per me oggi - afferma il vincitore - farò del mio meglio per soddisfare questa aspettativa in futuro". 

Categoria donne -63 kg: sugli scudi la giapponese NABEKURA, oro dopo il successo nella finalissima ai danni dell'israeliana SHARIR.

Terzo gradino del podio per la judoka BADUROVA e l'ungherese VARGA.

Consegna le medaglie il fondatore di Champions Camp, Namsrai Batsaikhan.

"La mia tecnica preferita è l'uchi-mata - dice la vincitrice - ma oggi i miei ashi-waza, ko-uchi-gari e ko-soto-gari erano efficaci.

Sono stato in grado di mostrare variazioni nella mia tecnica, una buona esperienza nel complesso".

Tra le donne -70 kg, su tutte Madina TAIMAZOVA, la quale sconfigge la nipponica Yoko ONO, argento.

Terzo gradino del podio per la tedesca BUTKEREIT e l'uzbeka MATNIYAZOVA.

Domenica è in programma la terza ed ultima giornata dell'appuntamento col Grand Slam di judo in terra di Mongolia, sul tatami saranno di scena i pesi massimi.