This content is not available in your region

Gb: sconfitta per Boris Johnson alle elezioni suppletive

Access to the comments Commenti
Di Euronews con Ansa
Boris Johnson
Boris Johnson   -   Diritti d'autore  Jon Super/Jon Super   -  

Un'altra batosta per il primo ministro britannico Boris Johnson. Alle elezioni suppletive il suo partito conservatore ha subito due sconfitte schiaccianti nel sudovest.

Nei collegi di Riverton e Honiton i liberaldemocratici hanno ribaltato i Tories che hanno perso anche nella circoscrizione di Wakefield, nel nord dell’Inghilterra,dove è tornato a vincere il principale partito d’opposizione, quello laburista.

Le reazioni

Secondo il leader laburista Keir Starmer, "il voto conferma che il paese ha perso fiducia" nel primo ministro e che il partito di BoJo "sta implodendo". Mentre per Ed Davey, numero uno dei LibDem, si tratta di una sveglia indirizzata agli stessi deputati Tory i quali, alla luce del Partygate e di altri passi falsi imputati al governo, dovrebbero a suo dire "fare finalmente la cosa giusta e silurare" la leadership di Johnson.

Lascia il presidente

E si è dimesso con effetto immediato il presidente del partito conservatore Oliver Dowden: "Un’assunzione di responsabilità per la sconfitta elettorale", ha detto.

Queste sconfitte "sono l'ultima di una serie di pessimi risultati per il nostro partito", ha scritto Dowden in una lettera a Johnson, aggiungendo che "non possiamo andare avanti come al solito".

Le elezioni si sono svolte giovedì dopo le dimissioni di due parlamentari travolti da scandali a sfondo sessuale.

La sfiducia scampata

Due settimane fa il premier ha superato il voto di fiducia, pure se con una valanga di no: i deputati conservatori gli hanno rinnovato il loro mandato con 211 voti a favore, e 148 contrari. Per vincere, Johnson aveva bisogno del consenso del 50% dei deputati più uno, quindi almeno 180 voti favorevoli.

Ciò significa che più del 40% dei parlamentari conservatori ha votato contro Johnson, che resta a Downing Street, seppur indebolito dalla divisione nel suo partito.

Per approfondire:

**