Vaiolo delle scimmie: casi in aumento in Europa

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
Virus del vaiolo delle scimmie
Virus del vaiolo delle scimmie   -   Diritti d'autore  AP/CDC

Aumentano in Europa i casi di contagio di vaiolo delle scimmie, una malattia virale che può colpire anche l'uomo con sintomi simili alla varicella. Una decina sono stati riscontrati nel Regno Unito, qualcuno in più nella penisola iberica, anche fra persone non provenienti dall'Africa dove l'infezione è più diffusa.

Enrique Perez, Incident Manager presso l'Organizzazione Panamericana della Sanità, ha spiegato:

"Il Portogallo ha confermato che in questo mese ci sono stati più di 20 casi sospetti di infezioni da vaiolo delle scimmie, sia nella regione di Lisbona che in altre. Cinque di questi hanno già una diagnosi positiva nel loro centro di riferimento nazionale. Il Ministero della Salute spagnolo ha inviato un'allerta alle comunità perché a Madrid sono stati individuati otto pazienti positivi. Tutti i casi sono stati diagnosticati in uomini che hanno rapporti sessuali con uomini".

Sanità spagnola in allerta

Araceli Arce è vicedirettrice dell'Ufficio di sorveglianza della salute pubblica della regione di Madrid: "Quello che questi casi sospetti hanno in comune e cioè che sono stati diagnosticati nella regione della capitale - ha spiegato - I pazienti non hanno viaggiato in zone dell'Africa, dove di solito circola questo virus, né nei Paesi dove sono stati individuati i primi casi, Regno Unito e Portogallo".

Sintomi e prevenzione

Gli scienziati ritengono che scoiattoli, ma anche topi, e conigli possano essere vettori del vaiolo delle scimmie, che può essere trasmesso attraverso il sangue, liquidi organici o lesioni. 

I primi sintomi iniziali includono febbre, mal di testa, dolori muscolari e alla schiena, linfonodi gonfi, brividi e spossatezza. Possono poi presentarsi delle lesioni cutanee simili a quelle della varicella o della sifilide, che si seccano e si staccano.

Contro il virus si mostra efficace all'85% il vaccino antivaiolo.