This content is not available in your region

Steinmeier persona non grata in Ucraina: Kiev dice no alla visita del presidente tedesco

Access to the comments Commenti
Di euronews
Il presidente tedesco
Il presidente tedesco   -   Diritti d'autore  Czarek Sokolowski/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved   -  

A mettere in ombra la visita del presidente tedesco in Polonia, un'altra visita, o meglio il rifiuto a Frank-Walter Steinmeier di recarsi in Ucraina, rifiuto che pare sia venuto proprio da Kiev.

Stando alla Bild, lo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky si sarebbe opposto sulla scorta delle dichiarazioni dell'ambasciatore ucraino a Berlino che accusa Steinmeier di una vicinanza sospetta con Mosca: l'ambasciatore Andrij Melnyk ha dichiarato che per il presidente tedesco le relazioni con Mosca restano fondamentali, "addirittura sacre".

Steinmeier la scorsa settimana aveva fatto un distinguo tra il Putin del 2001 e il Putin di oggi. Un distinguo che alla luce dei fatti è possibile fare a tutti, tanto è bastato a urtare la sensibilità ucraina?

È stato comunque lo stesso capo di Stato della Germania ad ammettere che aveva proposto una visita in Ucraina assieme al presidente della Polonia e a quelli dei tre paesi Baltici, per dare “un forte segno della solidarietà europea”.

Il rifiuto di Zelensky è arrivato come vento gelido.

“Ero pronto a farlo ma a quanto pare, e devo prenderne atto, non sono voluto da Kiev”. Steinmeier ha dovuto confessare dopo le indiscrezioni pubblicate in esclusiva dalla Bild. Non giocano a favore di Steinmeier le posizioni che negli anni ha avuto verso Mosca nel solco di quella Ostpolitik che è stata un must della politica estera della socialdemocrazia tedesca. Steinmeier sa sicuramente di cosa parla, prima di diventare capo di Stato, dallo scorso febbraio è iniziato il suo secondo mandato, è stato tra le altre cose minitro degli Esteri tedesco.

Anche Steinmeier, così come molti politici tedeschi, tra gli altri l'attuale cancelliere Olaf Scholz, è stato peraltro favorevole al Nord Stream 2, il progetto per raddoppiare il gasdotto che dalla Russia porta il gas in Europa, arrivando proprio in Germania.