This content is not available in your region

Germania, via libera al nuovo governo (a parità di genere)

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Associated Press

Dopo l'ok all'accordo di coalizione da parte dei Verdi, in Germania via libera al nuovo esecutivo presieduto da Olaf Scholz.

Sarà un governo a precisa parità di genere: le donne avranno "la metà del potere", dice il cancelliere designato, che riceverà l'investitura ufficiale mercoledì.

"Siamo molto felici di questo grande, grande risultato: ora iniziamo con un forte vento in poppa, per governo federale assai forte e diversificato".

Scholz ha presentato le candidature dei Socialdemocratici prima ancora che i Verdi si pronunciassero uffiaialmente circa l'appoggio alla coalizione, poi giunto con l'86% dei consensi.

La lista ufficiale prevede sette ministri del suo partito, in procinto di insediarsi nel governo "semaforo", cosiddetto per il colore dei partiti che lo compongono.

"Sono particolarmente orgoglioso del fatto che determinati ministeri, dove non è affatto una tradizione, saranno ora guidati da donne.

Ci tengo a chiarirlo ancora una volta, eccole qui: il futuro ministro dell'Interno, della Difesa e dell'Edilizia, dal mio punto di vista questo è un segnale davvero notevole".

In totale, tra i ruoli designati (oltre al cancelliere) figurano otto donne e otto uomini.

Scholz sarà eletto cancelliere in Parlamento, ponendo così fine al mandato (durato 5.860 giorni) della cancelliera uscente, Angela Merkel.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

Quello dei Verdi era l'ultimo tassello mancante: il congresso del partito liberale democratico (FDP) aveva approvato l'accordo di coalizione con Socialdemocratici (SPD) e Verdi, con oltre il 92% dei voti espressi: 37, in totale, i contrari, 8 gli astenuti.

Il presidente del partito, Christian Lindner, aveva messo in atto una forte campagna favorevole alla coalizione.

Circa 24 ore prima, anche il congresso straordinario del partito socialdemocrarico aveva approvato l'accordo con oltre il 98% dei consensi.