ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terremoto in Indonesia: molti salvataggi "miracolosi"

Lettura in corso:

Terremoto in Indonesia: molti salvataggi "miracolosi"

Terremoto in Indonesia: molti salvataggi "miracolosi"
Dimensioni di testo Aa Aa

Piccoli grandi momenti di gioia

ISOLA DI LOMBOK (INDONESIA) - I soccorritori festeggiano il salvataggio di una giovane donna, dopo due giorni passati sotto le macerie del terremoto.
Siamo sull'isola di Lombok, in Indonesia. Continuano le operazioni di soccorso e ricerca sopravvissuti.

"Abbiamo provato ad aprire uno spazio tra le macerie, ma c'era un frigorifero che bloccava tutto", spiega un soccorritore. "Quando siamo riusciti ad aprire l'accesso, abbiamo sentito una voce e abbiamo salvato la donna".

Uno dei soccorritori che hanno salvato la donna da sotto le macerie.

Il "miracolo" della moschea

Un altro sopravvissuto è stato estratto dai resti della moschea Jabal Nur nel villaggio di Lading. Centoventi fedeli erano in preghiera dentro la moschea quando l'edificio è crollato loro addosso. Molti sono fuggiti. ma non tutti ce l'hanno fatta.

Un'immagine del salvataggio nella moschea.

Le autorità indonesiane affermano che il bilancio del terremoto di domenica è di oltre 140vittime, ma avvertono che il numero è destinato ad aumentare.

Interruzioni di corrente, strade bloccate e infrastrutture danneggiate rendono difficile raggiungere alcune aree, lasciando molti dei sopravvissuti in un disperato bisogno di cibo e acqua.

Rischio crisi umanitaria

Per coloro che sono sopravvissuti, si profila una crisi umanitaria. Decine di migliaia di persone sono rimasti senzatetto e hanno un disperato bisogno di acqua pulita, cibo, medicine e luoghi di riparo.

Il villaggio di Kanyangan nel nord di Lombok è vicino all'epicentro del terremoto. Secondo gli abitanti del villaggio circa 40 persone sono morte e pochi edifici sono rimasti in piedi.

Ruslan cerca disperatamente di ritrovare qualche oggetto a lui caro della sua casa completamente distrutta.

"Tutto è distrutto. Quello di cui abbiamo bisogno è ottenere assistenza. Per ora gli aiuti sono stati inviati solo nei villaggi più in basso, qui non è ancora arrivato niente, abbiamo perso tutto. Cosa mangiamo? Quello che troviamo".

Ruslan: "Ho perso tutto".

Notti di paura

Nel campo di Tanjung, nel nord di Lombok, gli sfollati stanno passando le notti in tende di fortuna, nell'attesa infinita dell'arrivo di aiuti.

La maggiore necessità è l'acqua pulita, poiché le fonti sotterranee sono state bloccate dal terremoto e i negozi distrutti o abbandonati.

Gli sfollati dipendono completamente da amici e parenti, che, se possono, portano loro qualcosa dal centro di Lombok.

E mentre attendono gli aiuti, la notte porta con sè inquietudine e ancora paura.

Sfollati, in disperata attesa di aiuti, soprattutto cibo e acqua.

"Sentiamo le scosse di assestamento, proprio come la notte scorsa", dice Nuri Hidayati, una delle sfollate. "Dobbiamo sempre stare all'erta".

E i turisti scappano...

Intanto, i turisti non vedono l'ora di fuggire da quello che pensavano che fosse un Paradiso e, invece, per colpa del terremoto, si è trasformato in un Inferno.