ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, politico condannato per aver esultato su Twitter alla morte del gendarme Beltrame

Lettura in corso:

Francia, politico condannato per aver esultato su Twitter alla morte del gendarme Beltrame

Francia, politico condannato per aver esultato su Twitter alla morte del gendarme Beltrame
© Copyright :
Tributo al gendarme Beltrame davanti alla sua caserma di Carcassonne
Dimensioni di testo Aa Aa

Il politico francese Stephane Poussier, candidato con la sinistra radicale di Melenchon alle scorse presidenziali, è stato arrestato perché avrebbe esultato su Twitter per la morte del gendarme Arnaud Beltrame, ucciso durante l'attentato di Trèbes dopo essersi sostituito ad un ostaggio.

AGGIORNAMENTO 27/3: Poussier è stato condannato ad un anno di prigione con la condizionale per apologia del terrorismo nonostante abbia espresso il suo pentimento davanti al giudice. Lo scrive FranceInfo. In aggiunta, dovrà scontare 7 anni di "privazione di diritti civili", ovvero di interdizione dai pubblici uffici. Non potrà votare né essere eletto. Il procuratore aveva chiesto sei mesi di prigione, di cui 4 con la condizionale.

La polizia lo aveva fermato domenica nella sua casa di Dives-Sur-Mer, nel nordovest della Francia. Due i tweet sotto accusa che avrebbe inviato dopo la morte del luogotenente colonnello Beltrame per mano di Redouane Lakdim.

"Ogni qual volta viene ucciso un poliziotto penso al mio amico Remi Fraisse", aveva scritto Poussier riferendosi all'attivista e ambientalista ucciso da una granata stordente nel 2014 durante una manifestazione per protestare contro la costruzione di una diga.

"Questa volta si è trattato di un colonnello, ottimo. Vuol dire un elettore in meno per Macron", ha aggiunto.

Dopo essersi offerto in cambio di una donna usata dall'attentatore come scudo umano, Beltrame è stato ucciso da Ladkim, a colpi d'arma da fuoco e di coltello, ma anche crivellato dai colpi del fuoco amico quando le forze speciali hanno sferrato l'attacco al supermercato Super U. Definito "eroe" dal Ministro dell'Interno e dal Presidente Macron, il suo funerale è stato celebrato ieri. Presenti alla funzione anche i rappresentanti della comunità musulmana.

Le frasi di Poussier hanno provocato un'ondata di commenti negativi e il suo account Twitter è stato sospeso.

Il gendarme Arnaud Beltrame

"Stephane Poussier è in custodia dalle 11,30 del mattino per aver giustificato atti di terrorismo con i suoi commenti pubblicati ieri sul suo account Twitter", aveva confermato il procuratore locale David Pamart all'agenzia AFP nelle ore seguenti l'arresto.

Rischiava 7 anni di prigione e una multa di 100mila euro. Poussier si è candidato senza successo alle elezioni l'anno scorso con France Insoumise di Jean-Luc Melenchon. I suoi commenti sono stati condannati dal partito e dallo stesso Melenchon che intende denunciare Poussier per apologia del terrorismo.