ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlinale: sfida Germania - Francia sul red carpet

Lettura in corso:

Berlinale: sfida Germania - Francia sul red carpet

Berlinale: sfida Germania - Francia sul red carpet
Dimensioni di testo Aa Aa

Curioso derby cinematografico di scena sul red carpet della Berlinale. Nello stesso giorno Germania e Francia proiettano le loro punte di diamante in corsa per l'Orso d'Oro al FilmFest di Berlino. Gioca in casa Christian Petzold, il regista di "Transit", mentre Benoît Jacquot scende in campo con "Eva".

Interpretato da Franz Rogowski e Paula Beer, "Transit" è tratto da una novella del 1940 della scrittrice tedesca Anna Seghers. La pellicola narra di Georg che deve fuggire dalla Francia occupata dai nazisti negli anni '40 e aspetta la sua nave per il Messico. La storia è girata a Marsiglia e si intreccia con le storie dei rifugiati di oggi.

Christian Petzold
*
"La nostra legge sull'asilo si basa sul fatto abbiamo avuto rifugiati negli anni '40 e ciò che mi interessava era la domanda: è giusto quello che stiamo facendo oggi se pensiamo a tutti quelli che all'epoca non avevano possibilità di fuggire?"*

Alla proiezione anche l'ex parlamentare europeo Daniel Cohn-Bendit, sempre a favore dell'integrazione.

Daniel Cohn-Bendit 

"Sì, il film di Petzold è pieno di suspense, un po 'complicato, è una sfida intellettuale".

Sponda francese "Eva" vede tra i protagonisti Isabelle Huppert e Gaspard Ulliel. Il film è tratto dal romanzo dello scrittore britannico James Hadley Chase e ruota attorno a un uomo sposato che finge di essere uno scrittore e intreccia una relazione pericolosa con una prostituta di classe.

Benoît Jacquot
*
"Sono relazioni amorose, erotiche, improbabili, il gioco è fatto. Si tratta di rapporti che normalmente non dovrebbero verificarsi ma che si verificano".*

Isabelle Huppert
*
"È come se fossero due grandi personaggi di una tragedia. Penso che sia questa la bellezza del film: una forma di tragedia moderna".*

I due film sono in concorso e l'Orso d'Oro verrà assegnato il prossimo 25 febbraio.

Altro da cinema