ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Deneuve su 'Liberation' si scusa con le vittime di molestie

Lettura in corso:

Deneuve su 'Liberation' si scusa con le vittime di molestie

Deneuve su 'Liberation' si scusa con le vittime di molestie
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il massacro mediatico perpetrato dalle pasionarie del movimento #metoo e non solo, l'attrice francese Catherine Deneuve è costretta alla precisazione. Precisazione che arriva a mezzo stampa attraverso il giornale Liberation, numero del 15 gennaio.

L'attrice francese chiede scusa a tutte le donne vittime di molestie che si siano sentite ferite dalla lettera aperta inviata a Le Monde con cui l'attrice e altre 100 firmatarie hanno difeso il diritto degli uomini di corteggiare; l'appello finito nella bufera condannava senza mezzi termini le molestie e le violenze ma rivendicava anche il diritto degli uomini di esprimere il loro desiderio e delle donne di non vivere come prede, nella paura, incriminando la caccia alle streghe "talvolta per una denuncia sui social network". 

L'attrice francese si è inserita nel dibattito suscitato dal caso Weinstein, criticando le degenerazioni del movimento #metoo (in Francia #balancetonporc). Nel lettera a Le Monde un tentativo di distinguo e di riconciliazione tra i sessi che ha provocato anche offese personali a Catherine Deneuve. L'attrice Asia Argento, per esempio, ha scritto su twitter che Deneuve e le altre firmatarie dell'appello a Le Monde hanno "interiorizzato la misoginia tanto da diventare lobotomizzate", altri hanno scritto che l'attrice ha ancora bisogno di essere corteggiata per sua gratificazione personale, o peggio ancora...

Così ora la Deneuve, attesa oggi a un festival ad Angers, torna sull'argomento precisando che se l'appello avesse contenuto una sola parola a favore delle molestie non l'avrebbe firmato ma comunque chiedendo scusa a chi si dovesse essere sentito offeso: "Alle vittime di molestie e solo a loro, chiedo scusa", scrive. 

Per il resto rivendica la sua posizione, la sua libertà e il suo essere stata femminista fin dalla prima ora, stroncando anche tutti i conservatori che hanno spezzato una lancia a suo favore come Silvio Berlsuconi: "Vorrei dire ai conservatori, ai razzisti e ai tradizionalisti di tutti i tipi che hanno trovato strategico darmi il loro sostegno che non mi ingannano: non avranno né la mia gratitudine né la mia amicizia", scrive.