ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca ammette: a settembre una nube radioattiva proveniente dalla Russia ha contaminato l'Europa

Il sospetto è che la fuga provenga da un sito di riprocessamento del combustibile nucleare, situato negli Urali meridionali e già teatro di incidenti nel 1957

Lettura in corso:

Mosca ammette: a settembre una nube radioattiva proveniente dalla Russia ha contaminato l'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo averlo negato per settimane,finalmente Mosca ha ammesso di aver rilevato concentrazioni “estremamente elevate” dell’ isotopo radioattivo rutenio-106 nel Paese, causa della formazione di una nube radioattiva diretta sull’Europa. Lunedi l’agenzia metereologica russa ha comunicato registrazione a fine settembre di queste elemento, confermando cosi l’allarme di alcune agenzie europee di monitoraggio della radioattività.
Vicino al villaggio di Tcheliabinsk, negli Urali meridionali è stata registrata una concentrazione ben 986 volte maggiore dei tassi di normale radioattività. A pochi chilometri sorge il sito nucleare di Mayak, usato per il riprocessamento del combustibile esaurito.
Il sospetto è che in quei luoghi sia avvenuto un incidente che Mosca vorrebbe coprire.
A fine settembre l’istituto di francese per la protezione nucleare aveva indicato come probabile zona di rilascio di questo elemento in un territorio tra Volga e l’Urali, indicando come possibile fonte un sito di gestione del combustibile nucleare. Le concentrazioni rilevate in Europa non sarebbero comunque pericolose per la salute e per l’ambiente.