ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mandato d'arresto europeo: cosa significa per Puigdemont

The Brief: l'appuntamento quotidiano con l'attualità da Bruxelles

Lettura in corso:

Mandato d'arresto europeo: cosa significa per Puigdemont

Dimensioni di testo Aa Aa

La lotta al cambiamento climatico e gli ultimi sviluppi sulla questione catalana nella nostra edizione del The Brief.

In primo piano:

Sottrarsi alla giustizia per il leader catalano Puigdemoint non sarà cosi facile se in ballo c‘è un mandato d’arresto europeo verso il Belgio. Questa procedura esclusivamente giudiziaria sostituisce l’estradizione tra i paesi dell’Unione europea, con chiari vantaggi.
“Il mandato d’arresto europeo – spiega l’avvocato penalista belga Pascal Vanderveeren- è stato creato per semplicità e per permettere che in tutti i paesi europei la decisione venga presa dai rispettivi poteri giudiziari secondo le leggi nazionali senza alcuna interferenza da parte del potere politico”.
L’avvocato ci spiega che nel caso di un mandato d’arresto europeo la giustizia belga dovrà interrogare Puidgemont ei consiglieri catalani che si trovano in Belgio, i quali potreanno accettare ed eseguire l’ordine entro 10 giorni oppure iniziare una lunga battaglia legale. “Bisogna tenere in conto la possibilità di proporre appello, e di arrivare fino in cassazione; immaginiamo che ci sia una pronuncia della corte di cassazione che annulla la decisione e che rinviar il caso ad un’altra corte appello: tutto questo potrebbe prendere dei mesi”.
Ma nel frattempo, che fine farebbero Carles Puigdemont e i suoi consiglieri? Il giudice potrebbe decidere di applicare loro delle misure preventive per impedirne la fuga.
“Si va dalla libertà controllata alla carcerazione preventiva. La scelta oscillerebbe tra questi due estremi”.
Ma le intenzioni dell’avvocato di Puidgemont, Paul Bekaert, sono chiare. Il legale ha affermato di voler contestare l’ordine, che secondo lui contiene accuse sproporzionate e non rispetta i diritti fondamentali del suo assistito.