ULTIM'ORA

Lettura in corso:

A Manchester lento ritorno alla normalità


Regno Unito

A Manchester lento ritorno alla normalità

Ha riaperto martedì la stazione Victoria di Manchester, a oltre una settimana dall’attentato all’Arena. Lo snodo ferroviario, secondo per importanza della città, è attaccato all’Arena dove, lunedì 22, Salman Abedi si è fatto esplodere uccidendo 22 persone. La stazione era stata chiusa per consentire le indagini della polizia scientifica. Una piccola commemorazione ha accompagnato la riapertura: il segretario britannico ai Trasporti Chris Grayling e il sindaco di Manchester Andy Burnham hanno deposto corone di fiori.

“Penso che questa sia una pietra miliare incredibilmente importante – ha detto il sindaco -. La riapertura della stazione, forse più di ogni altra cosa, è il segno che la vita continua e la città sta tornando a una ‘forma di normalità’ e dico ‘forma di normalità’, perché naturalmente il pensiero è lì, vivo nelle nostre menti. Pensiamo alle famiglie che hanno perso i loro cari e a coloro che sono feriti in ospedale”.

Intanto, con le indagini a pieno ritmo, spuntano nuove immagini dalle telecamere di sorveglianza di un supermercato che mostrano un uomo, apparentemente Abedi, mentre fa acquisti in un negozio non lontano dall’appartamento preso in affitto.

Lunedì la polizia di Manchester ha diffuso una nuova foto che mostra il kamikaze nel giorno dell’attacco mentre trasporta un trolley blu. Le autorità hanno rivolto un appello ai cttadini per trovare qualcuno che lo possa aver visto trasportare la valigia nella zona di Wilmslow Road o nel centro città nella notte tra il 18 e il 22 maggio.

A una settimana esatta dall’attentato, nella piazza di Sant’Anna si è tenuta una veglia: centinaia di persone che hanno osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime della tragedia.

Sono attualmente 14 gli arrestati, in attesa di essere interrogati dalla polizia.

Sri Lanka

Alluvioni in Sri Lanka: oltre 180 morti, cresce rischio infezioni