ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, Grand Prix Antalya: Krpalek non delude, primo oro tra i pesi massimi

Si è chiuso nel segno di Russia e Turchia il Grand Prix di judo di Antalya.

Lettura in corso:

Judo, Grand Prix Antalya: Krpalek non delude, primo oro tra i pesi massimi

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è chiuso nel segno di Russia e Turchia il Grand Prix di judo di Antalya. In gara nella terza e ultima giornata i judoka delle categorie di peso più elevate. Cominciamo dalla categoria femminile sopra i 78 chilogrammi. Le ultime speranze dei tifosi turchi di festeggiare una medaglia d’oro erano riposte in Kayra Sayt, numero 6 del ranking mondiale. La ventinovenne di origine francese e campionessa europea in carica non ha tradito le attese arrivando in finale, dove si è trovata davanti la bosniaca Larisa Ceric. Un waza-ari è bastato alla Sayt per ottenere il suo terzo successo in un Grand Prix. La festa turca è stata completata dal bronzo di Kubra Kara. Sul podio anche la mongola Munkhtuya Battulga.

Ad Antalya Lukas Krpalek, campione olimpico e mondiale nella categoria sotto i 100 chilogrammi, andava a caccia del primo successo nel World Tour dopo il passaggio nella categoria sopra i 100 chilogrammi. Obiettivo prontamente centrato dal campione ceco, che è stato abile ad approfittare dell’eliminazione precoce del numero uno del seeding, l’ungherese Barna Bor. In finale Krpalek si è imposto per ippon sul kirghiso Iurii Krakovetskii. Bronzo per il serbo Zarko Culum e per il russo Musa Tumenov.

Il 21enne Altanbagana Gantulga ha regalato alla Mongolia l’unico oro di giornata battendo in finale il tagiko Komronshokh Ustopiriyon. Decisivo il waza-ari messo a segno a tre secondi dalla fine del combattimento. La Russia ha portato a casa gli altri due ori in palio. Anastasiya Dmitrieva ha battuto l’israeliana Yarden Mayersohn nella finale della categoria fino a 78 chilogrammi. In campo maschile quinto successo in un torneo del World Tour per Adlan Bisultanov, oro nella categoria sotto i 100 chili grazie al successo sul kazako Maxim Rakov.