ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brexit senza compromessi per May, ma Bruxelles storce il naso


Regno Unito

Brexit senza compromessi per May, ma Bruxelles storce il naso

Una Brexit senza compromessi. È quella evocata dalla Premier britannica Theresa May nel suo discorso sulle condizioni d’uscita del Regno Unito dalla famiglia europea. Un discorso del pugno di ferro dentro a un guanto di velluto, come già è stato definito. Il negoziatore europeo per la Brexit Guy Verhofstadt ha risposto mettendo i puntini sulle “i”:

“Non accetteremo mai una situazione nella quale sia meglio essere fuori dall’Unione Europea, fuori dal mercato unico, piuttosto che membri dell’Unione. Se si vogliono i vantaggi del mercato unico, bisogna accettare anche gli obblighi. C‘è bisogno di un accordo equo e certamente che non sia stipulato sotto minaccia”.

Il timore di Bruxelles è che il governo britannico punti ad ottenere i vantaggi del mercato unico senza che l’uscita di Londra dalla famiglia europea abbia in sostanza alcuna conseguenza.

“Qui non si tratta di prendere solo quel che ci piace ma di raggiungere un accordo che incontri l’interesse delle due parti” ha detto il Ministro per la Brexit Dadid Davis alla Camera dei Comuni. “Comprendiamo che l’Unione Europea voglia mantenere le proprie libertà e decidere il proprio destino. Praticamente qualunque Paese al mondo, a meno che non sia soggetto a sanzioni, ha accesso al mercato unico. Avremo accesso al mercato unico, la questione riguarda semplicemente in quali termini vi avremo accesso”.

Le tempistiche effettive dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea restano incerte e potrebbero prolungarsi oltre i due anni preventivati. La Premier si è impegnata a sottomettere l’accordo finale al voto del Parlamento.

Siria

Siria, Lavrov: "alcuni Paesi occidentali vorrebbero minare gli accordi pace"