ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La visione del mondo secondo Trump

Incontrando la stampa europea, il miliardario resta fedele a se stesso. Proposte in linea con quanto detto in campagna elettorale

Lettura in corso:

La visione del mondo secondo Trump

Dimensioni di testo Aa Aa

À 5 giorni dal suo insediamento, Donald Trump scalda i motori della polemica; nell’incontro con la stampa estera è stato se stesso, ha teso la mano a Putin, criticato Merkel per la politica sugli immigrati, definito la Nato obsoleta.

Se qualcuno nutriva dei dubbi sul un repentino rinsavimento del miliardario, Trump ha voluto fugarli.
Niente di nuovo insomma sotto il cielo della Trump Tower dove il miliardario ha incontrato i giornalisti.

Trump ha ribadito la sua volontà di arrivare a un accordo sulla riduzione degli armamenti nucleari con la Russia in cambio della revoca delle sanzioni comminate dagli Usa contro il governo di Mosca, in seguito alla crisi della Crimea.

Non solo Trump vuole fare di Putin un alleato, ma vuole anche rivedere il ruolo della Nato, organizzazione vecchia e superata:

“Io l’ho detto già tanto tempo fa che la Nato ha dei problemi. In primo luogo è obsoleta perchè concepita tanti tanti anni fa. E, secondo, i Paesi non vi contribuiscono come dovrebbero”.

Anche la cancelliera Angela Merkel è stata l’obiettivo delle critiche di Donald Trump. Anche se il presidente eletto ha dichiarato di aver rispetto della Merkel, ha criticato duramente la sua politica d’immigrazione definendola un errore madornale.

La Germania, a detta di Trump, avrebbe dovuto intervenire piuttosto in Siria, crando delle no fly zone per proteggere la popolazione dai bombardamenti.

“Ho grande rispetto per Merkel, penso sia stata davvero una grande leader. Credo che abbia commesso un errore davvero catastrofico: accogliere tutti quei clandestini, senza sapere veramente da dove venissero”.

Trump ha accusato anche la Germania di dominare l’Unione europea e a questo riguardo si è congratulato con la scelta dei britannici di uscire dal club europeo.
Sarà un grande successo, hi dichiarato, dicendo di voler concludere quanto prima un accordo commerciale con Londra.
Una proposta in totale contrasto con quelle avanzate da Obama in caso di Brexit.

“Credo che la Brexit finirà per essere una gran cosa. Io lo avevo previsto, ma era una scommessa cui nessuno credeva. E ve lo dico, la gente non vuole altra gente che venga a casa sua e distrugga il suo Paese. Il Regno Unito è stato furbo ad andarsene”.

Il mondo alla rovescia, o forse no, gli Stati Uniti di Donald Trump tra qualche giorno passeranno dall’essere semplici parole fatti concreti.