ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria: Damasco mostra che ora Aleppo è sicura, ma in migliaia sono ancora intrappolati


Siria

Siria: Damasco mostra che ora Aleppo è sicura, ma in migliaia sono ancora intrappolati

A guardare la cittadella, il centro storico di Aleppo in Siria, sembra quasi che la guerra sia lontana. Eppure migliaia di persone sono ancora intrappolate nella zona orientale della città, un giorno dopo la sospensione dell’operazione per la loro evacuazione.

Il governo ha spinto i civili a tornare a visitare quello che è rimasto in piedi di questa perla storica, dopo quattro anni di scontri, anche per mostrare che la zona è sotto controllo lealista.

Dice una donna ad uso delle telecamere: “All’inizio avevo paura di venire, ma poi mi hanno incoraggiata e portato qui. Non ci sono grandi diffeenze, anzi, se non ci fosse stato l’esercito avremmo visto molti più danni”.

La televisione siriana stima che siano 9.000 le persone cha hanno potuto finora lasciare la città. Fonti diverse stimano tra i 15.000 e i 40.000 quelli ancora in attesa di partire, tra i quali ancora 6.000 insorti armati. Ma dati precisi non ce ne sono. Molte persone hanno ad esempio paura di mettersi in viaggio, temendo di venire attaccati da forze lealiste

In tutto ciò questa domenica, su richiesta della Francia, in Consiglio di sicurezza dell’Onu cercherà di far passare una risoluzione che richieda un nuovo cessate-il-fuoco.

Secondo il palazzo di vetro, sono quasi un milione i civili che vivono in aree assediate, in prevalenza da forze lealiste, mentre gli sfollati interni che sono circa 6 milioni. Senza contare i 4 milioni di persone già riparate all’estero.

Polonia: muro contro muro fra opposizione e governo. Restano limitazioni alla stampa

Polonia

Polonia: muro contro muro fra opposizione e governo. Restano limitazioni alla stampa