ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Sos Villaggi dei Bambini vince il Premio Principessa delle Asturie

mondo

Sos Villaggi dei Bambini vince il Premio Principessa delle Asturie

Pubblicità

Il Premio Principessa delle Asturie alla Concordia di quest’anno va all’Ong Sos Villaggi dei Bambini.

L’annuncio è stato fatto dal Salón Covadonga dell’Hotel de la Reconquista di Oviedo da Javier Fernández Fernández, presidente della giuria e del governo regionale delle Asturie: “La giuria del Premio Principessa delle Asturie per la Concordia 2016 decide di assegnare il premio a Sos Villaggi dei bambini per il suo contributo, da oltre 60 anni e in 134 paesi, alla protezione dei bambini in base a principi pionieristici che si dimostrano ancora più efficaci nei momenti in cui i conflitti internazionali mettono particolarmente a rischio i più vulnerabili”.

Sos Villaggi dei Bambini è un’Organizzazione non governativa composta da 117 associazioni nazionali impegnate nell’accoglienza di bambini privi di cure famigliari o temporaneamente allontanati dalle famiglie e nello sviluppo di programmi di prevenzione all’abbandono e di rafforzamento familiare.

Presente anche in Italia con sette villaggi, attraverso case famiglia, asili nido, centri diurni e servizi di supporto alle famiglie, aiuta 539 persone, fra cui 448 bambini e ragazzi.

Il premio Principessa delle Asturie, in precedenza conosciuto come premio Principe delle Asturie, è giunto quest’anno alla sua trentaquattresima edizione.

La Fondazione Principessa delle Asturie è un’istituzione privata senza scopo di lucro il cui obiettivo è contribuire e alla promozione dei valori scientifici, culturali e umanistici che costituiscono il patrimonio universale.

I premi vengono concessi ogni anno a 8 categorie e consegnati nel mese di ottobre presso il teatro Campoador di Oviedo nell’ambito di una solenne cerimonia.

Per il premio alla Concordia concorrevano quest’anno 33 candidati provenienti da 20 paesi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo