ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria. Il fronte Al Nusra si stacca da Al Qaeda, che accetta la scissione

mondo

Siria. Il fronte Al Nusra si stacca da Al Qaeda, che accetta la scissione

Pubblicità

Il Fronte Al Nusra ha annunciato la propria scissione da Al Qaida.

Il leader del gruppo armato jihadista siriano Abu Mohammed al Golani si è mostrato per la prima volta pubblicamente in un video dichiarando di aver fondato un nuovo gruppo, dal nome Fatah al Sham , Fronte della conquista dl Levante.

La separazione con Al Qaida è consensuale, nel senso che il gruppo fondato da Osama bin Laden accetta la fuoriuscita di Al Nusra.

Oltre che instaurare la sharia, l’obiettivo del nuovo fronte sarebbe quello di unificare le fazioni che partecipano alla guerra santa in Siria e liberare il paese.

Ma staccarsi da Al Qaida ha una ricaduta forse più concreta, ossia quella di evitare i bombardamenti alleati, dando la possibilità agli ex di Al Nusra di rientrare negli accordi di cessate il fuoco.

Per ora gli Stati uniti fanno sapere di non vedere ragioni di cambiare strategia.

Il cerchio si stringe infatti anche intorno ad Aleppo, l’ultima grande città siriana tenuta dagli estremisti armati.

Il presidente siriano Bashar al-Assad si sente così sicuro da aver proposto un’amnistia a tutti i combattenti che accettino di deporre le armi entro tre mesi.

Nello stesso tempo le forze russe stanno preparando un’operazione umanitaria con l’apertura di varchi separati per far uscire da Aleppo i civili e i miliziani che si arrenderanno.

Secondo l’Onu, ad Aleppo est rimangono circa 300mila civili, con riserve di scorte di medicine e cibo per massimo un mese.

Il Fronte Al Nusra è n ato nel 2012, poco meno di un anno dopo l’inizio della sollevazione in Siria, si ritiene abbia avuto legami con il Qatar, attraverso intermediari, cosa che l’emirato ha sempre negato ufficialmente.

Nel 2013, al-Nusra decise di unire le proprie forze con Al Qaida e non con il sedicente Stato islamico, per cui i due gruppi hanno cominciato a farsi la guerra fra di loro in Siria.

Secondo gli osservatori Al Nusra potrebbe contare fra i 5mila e i 10mila combattenti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo