ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lettura in corso:

"Clinton Cash", proiettato a Cannes il documentario sul denaro di Bill e Hillary


cinema

"Clinton Cash", proiettato a Cannes il documentario sul denaro di Bill e Hillary

A pochi mesi dalle presidenziali statunitensi, è stato presentato in anteprima al mercato del film di Cannes “Clinton Cash”, documentario basato sul libro di Peter Schweizer che accusa Hillary e Bill di aver accumulato oltre 200 milioni di dollari dal 2001 in modo poco onesto, in particolare attraverso la loro fondazione filantropica.

Il produttore – il conservatore Stephen Bannon – intende raggiungere anche il pubblico di sinistra: “Vorrei che a vederlo fossero, in particolare fra i Millennials, progressisti, liberali, moderati e independenti. Voglio che lo veda il maggior numero di progressisti qui in Europa, perché si deve capire come i Clinton, che dicono di sostenere tutti i vostri valori, in realtà vi hanno tradito per denaro”.

Il libro di Schweizer – ex autore di discorsi per George W.Bush – ha lo scopo di distruggere la fondazione Clinton, aveva commentato la candidata democratica l’anno scorso quando era stato pubblicato. Film e libro sostengono che da segretario di Stato, Hillary Clinton abbia concesso favori a governi e società stranieri in cambio di donazioni per la propria fondazione.

“La sua maggiore debolezza è la sua inaffidabilità”, sostiene Bannon. “Soltanto il 35% dei democratici ha fiducia in lei, l’altro 65% invece non si fida. L’opinione pubblica statunitense non mette in discussione le sue competenze, la sua tenacia né la sua intelligenza. Ciò che preoccupa l’opinione pubblica è se possa fidarsi della Clinton”.

Il documentario, che a Cannes è alla ricerca di distributori, sarà proiettato a Philadelphia a fine luglio in concomitanza con la Convention democratica che designerà molto probabilmente Hillary Clinton come candidata alla presidenza degli Stati Uniti.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Cannes, "Neruda" di Pablo Larraín apre la Quinzaine des Réalisateurs

cinema

Cannes, "Neruda" di Pablo Larraín apre la Quinzaine des Réalisateurs