ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brasile: Senato vota per destituzione di Dilma Rousseff

mondo

Brasile: Senato vota per destituzione di Dilma Rousseff

Pubblicità

È il giorno del giudizio per la presidentessa brasiliana Dilma Rouseff.

Dopo una riunione-fiume, con tutti i senatori che hanno avuto quindici minuti a testa per i propri interventi, la maggioranza dei rappresentanti della camera alta si sono pronunciati per l’impeachement.

Per decretare la sospensione della prima presidente donna del Brasile basta la maggioranza semplice dei voti: 41 su 81. Se vinceranno i sì, Rousseff sarà sospesa dalle funzioni ed il vice presidente Michel Temer assumerà l’interim, con pieni poteri. La presidente avrà poi fino a sei mesi di tempo per difendersi dalle accuse e per la sua destituzione il Senato dovrà votare nuovamente, a maggioranza dei due terzi.

Il conservatore Temer aveva sostenuto la Rousseff prima di diventare il suo avversario più agguerrito.

Le accuse contro la Rousseff riguardano la mani pulite brasiliana. L’indagine ha portato alla luce un sistema che consisteva nel truccare appalti pubblici favorendo imprese che, a loro volta, avrebbero trasferito parte del sovrafatturato ai politici.

La Rousseff parlerà alla nazione dopo il voto, quasi certamente negativo. Le cose si sono messe davvero male per la presidentessa dopoché la Corte suprema brasiliana aveva respinto il ricorso presentato dall’avvocatura generale dello Stato contro il procedimento di impeachment, ultimo tentativo per evitare il dibattito e il voto in senato.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo