ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa 2016: Sanders e Trump trionfano, il New Hampshire boccia gli establishment

Il New Hampshire ripudia l’elité della politica statunitense. L’incubo peggiore per gli establishment democratico e repubblicano si è avverato.

Lettura in corso:

Usa 2016: Sanders e Trump trionfano, il New Hampshire boccia gli establishment

Dimensioni di testo Aa Aa

Il New Hampshire ripudia l’elité della politica statunitense. L’incubo peggiore per gli establishment democratico e repubblicano si è avverato. I trionfi di Bernie Sanders e Donald Trump alle primarie arrivano in contemporanea con il record di affluenza.

Forte del distacco di 20 punti dato alla Clinton, Sanders è volato subito a New York dal leader afroamericano, il reverendo Al Sharpton.

“Avremo bisogno di trovare l’unità in pochi mesi e unire innanzitutto questo partito e questa nazione – ha detto Sanders – perché non bisogna consentire alla destra repubblicana di raggiungere la presidenza”.

La stampa americana definisce di dimensioni scioccanti la sconfitta di Hillary Clinton. Sanders vince tra i giovani e soprattutto tra le donne. Gli argomenti contro i ricchi, le grandi società e Wall Street hanno un forte appeal, e Hillary prova a cambiare il suo staff.

Se tra i democratici è battaglia, i repubblicani sono nel caos. L’establishment del Grand Old Party ha fallito l’obiettivo di creare un fronte unico a favore di un candidato per contrastare Trump che dà a tutti un distacco a doppia cifra.

“Sarò il più grande presidente che Dio abbia mai creato – ha detto Trump dopo la vittoria – Ricordate che renderemo il nostro paese più forte. Torneremo a vincere. Noi non vinciamo più come Paese, non vinciamo nel commercio, non vinciamo con l’esercito. Non possiamo battere l’Isil”.

Il solo moderato a tenere testa a Trump tra i Repubblicani è stato John Kasich, secondo dopo l’endorsement del New York Times. Si ferma l’ascesa di Marco Rubio, mentre il Tea Party, Ted Cruz, resta potenzialmente in corsa con un terzo posto che segue la vittoria in Iowa.