ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Primarie negli Stati Uniti: Bush delude ma non molla

Era solo il secondo appuntamento elettorale quello in New Hampshire, ma per Jeb Bush ha già il sapore di una messa in guardia. Il risultato

Lettura in corso:

Primarie negli Stati Uniti: Bush delude ma non molla

Dimensioni di testo Aa Aa

Era solo il secondo appuntamento elettorale quello in New Hampshire, ma per Jeb Bush ha già il sapore di una messa in guardia.

Il risultato dell’ultimo rampollo della dinastia Bush, sul quale puntava molto l’establishment repubblicano è deludente, l’ex governatore della Florida comunque non si ritira, per ora:

Volete qualcuno come Hillary Clinton o Donald Trump, che penserà ai propri interessi invece di servire il paese e chi ne ha davvero bisogno? Volete qualcuno che metta i cittadini gli uni contro gli altri? Volete chi ha detto che i repubblicani e tutti quelli che non la pensano come lui sono dei nemici?

Il messaggio rassicurante di Bush seduce comunque ancora degli elettori :

Jeb va alla grande – dice un sostenitore – Lo aspettiamo in Carolina del Sud. Ci sono un sacco di vetrani là e saprà conquistarli.

non ci sta mettendo il cuore

Chi studia i candidati non è altrettanto ottimista riguardo al destino del fratello e figlio di ex presidenti:

Si trova in un momento difficile, non mostra l’ardore che serve per vincere – dice l’analista politico Jon-Christopher Bua – Non è come suo fratello o come suo padre. E come se non ci stesse mettendo il cuore.

Dice il nostro corrispondente da Washington Stefan Grobe:

Jeb Bush ha speso molto nel New Hampshire per entrare finalmente in corsa. Nonostante i soldi, la sua proposta è rimasta debole. Ora potrebbe subire la pressione del partito e dei donatori per porre fine alla campagna.