ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gran Bretagna, alberi di Natale meno cari grazie a euro e petrolio

Di solito è la finanza che beneficia dei comportamenti dei consumatori. Ebbene, quest’anno la Gran Bretagna potrebbe assistere a un vero e proprio

Lettura in corso:

Gran Bretagna, alberi di Natale meno cari grazie a euro e petrolio

Dimensioni di testo Aa Aa

Di solito è la finanza che beneficia dei comportamenti dei consumatori. Ebbene, quest’anno la Gran Bretagna potrebbe assistere a un vero e proprio “miracolo natalizio”: le fluttuazioni dei listini che avvantaggiano le famiglie.

Point of view

Grazie all'effetto euro siamo riusciti a offrire prezzi fino al 13% più economici per i nostri alberi di Natale

In che modo, esattamente? Ce lo dice David Mitchell, responsabile acquisti di un centro londinese che vende alberi di Natale: “Grazie all’euro siamo riusciti a offrire prezzi fino al 13% più economici e poi a mantenerli per la stagione 2015. Per cui, ottime notizie per i nostri clienti”.

Che cosa c’entra l’euro in tutto questo? “Magia” del mercato dei cambi: in Danimarca, Paese da cui i britannici importano gran parte delle piante, la banca centrale tiene la moneta ancorata all’euro.

Traduzione: se Mario Draghi e la Banca centrale europea lanciano misure che indeboliscono la moneta unica, la corona danese viene svalutata di conseguenza, a tutto vantaggio del cambio con la sterlina e degli importatori britannici.

Stesso discorso per la Norvegia, dove la valuta locale è in calo per il tonfo del prezzo del petrolio. Dall’oro nero agli alberi di Natale dei britannici, il passo è molto breve.