ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Programma Copernicus: i vantaggi per le Pmi europee

Anne Glémarec, euronews: “Benvenuti a Roma per una nuova puntata di Business Planet. Sapevate che il 58 % dell’economia spaziale a livello mondiale

Lettura in corso:

Programma Copernicus: i vantaggi per le Pmi europee

Dimensioni di testo Aa Aa

Anne Glémarec, euronews: “Benvenuti a Roma per una nuova puntata di Business Planet. Sapevate che il 58 % dell’economia spaziale a livello mondiale si basa sui dati d’osservazione della Terra via satellite? Con noi Massimo Antoninetti, del Consiglio Nazionale delle Ricerche. C‘è libero accesso a questi dati nell’Unione Europea grazie al programma Copernicus, che vuol essere un vero motore di crescita”.

Copernicus: cos‘è e che peso ha sulle imprese

  • Il programma dell’Ue Copernicus è un programma di osservazione satellitare della Terra. Fornisce dati ad accesso libero e gratuito.
  • I dati forniti dal programma contribuiscono a proteggere i cittadini europei in caso di emergenza, come catastrofi naturali o crisi umanitarie.
  • Copernicus crea nuove opportunità imprenditoriali e posti di lavoro. L’OCSE stima che il 58% dell’economia globale legata allo spazio dipenda da dati e segnali satellitari.
  • Planetek è una pmi italiana che ha sviluppato la propria gamma di prodotti grazie ai dati provenienti da Copernicus, nelle aree della pianificazione urbana, dell’aggiornamento delle mappe, della difesa e della sicurezza.
  • L’impresa ha ottenuto il Premio Industria Felix in Italia per il suo eccellente lavoro nel settore aerospaziale.

“Esatto. Analizzando il potenziale impatto del programma Copernicus sull’economia europea – spiega Massimo Antoninetti, del CNR – vengono previsti entro il 2030 un beneficio finanziario pari a 30 miliardi di euro e la creazione di almeno 50mila posti di lavoro”.

Anne Glémarec, euronews: “Un settore del futuro per le piccole e medie imprese innovatrici come questa a Bari”.

La specialità di Planetek è la geografia. Da ventun anni interpreta i dati raccolti dai satelliti attraverso applicazioni che informano gli utenti sulla natura, l’evoluzione dei mari, dell’urbanizzazione o ancora delle superfici agricole. Il lancio del programma Copernicus, l’anno scorso, ha rafforzato le ambizioni di questa piccola e media impresa.

“Copernicus per noi è molto importante perché produce molti dati ambientali che noi possiamo trasformare in molte informazioni ambientali per i nostri utenti”, dice Giovanni Sylos Labini, ad di Planetek Italia.

Visto che l’accesso libero e gratuito ai dati di Copernicus è garantito fino al 2034, l’impresa di Giovanni può pianificare la propria strategia di crescita a lungo termine. I risultati potrebbero essere sorprendenti.

“Grazie a Copernicus nei prossimi 10 anni Planetek Italia diventerà dalle 5 alle dieci volte quello che è adesso”, afferma Sylos Labini. “Quindi oggi abbiamo 50 persone, ne avremo dalle 250 alle 500”.

L’azienda di Giovanni fa parte di quelle che vengono definite “industrie a valle” dell’economia spaziale che dovrebbe giovare delle ricadute economiche del programma Copernicus.

Anne Glémarec, euronews: “Massimo, cos‘è concretamente il programma Copernicus?”

Massimo Antoninetti, ricercatore IREA-CNR: “Copernicus è il programma europeo di osservazione della Terra con i satelliti Sentinel, in grado di offire un accesso continuo, indipendente e affidabile alle informazioni per l’ambiente, il territorio e la sicurezza”.

Cittadini, ricercatori, imprenditori o ancora autorità pubbliche: queste informazioni servono a tutti. Possono essere utili in diversi settori, da quello degli idrocarburi, a quello delle assicurazioni e dei trasporti.

euronews: “Massimo, anch’io voglio utilizzare i dati di Copernicus per sviluppare un’applicazione o un servizio. Come faccio?”

Massimo Antoninetti, ricercatore IREA-CNR: “Dopo una semplice operazione di registrazione chiunque può accedere al portale dell’ESA, per identificare e scaricare direttamente e gratuitamente le immagini sul proprio computer”.